Nelle nottata di ieri, è giunta presso la Sala Operativa della Questura una richiesta di aiuto da parte di una donna che con grande preoccupazione ha riferito che il marito, affetto da Covid, a causa della scarsa saturazione di ossigeno aveva assoluta necessità di reperire una bombola di ossigeno per poter respirare.

La donna ha poi riferito che sia lei che i familiari conviventi erano in quarantena, quindi impossibilitati ad uscire di casa.

La Sala Operativa, valutata nell’immediatezza la situazione di gravità e pericolo per la vita dell’uomo, ha dato disposizioni al personale della Squadra Volante per organizzare il particolare intervento.

I poliziotti si sono recati prima presso la locale Guardia Medica, dove hanno acquisito il certificato medico necessario a procurare l’ossigeno per l’uomo in difficoltà respiratoria, per poi “correre” verso la farmacia di turno dove hanno prelevato la bombola di ossigeno, consegnata immediatamente presso l’abitazione dell’uomo.

La massima cura è stata prestata dagli Agenti alle fasi di trasporto dell’ossigeno e soprattutto della consegna, per la quale sono state adottate tutte le cautele del caso per la sicurezza degli operatori.