di Massimiliano Scarabeo
“Nell’età delle pantofole e della poltrona, io scelsi il seggiolino e la cinghia. E dove vi fu d’osare l’inosabile, io fui. Guardai fisso la morte con un occhio come l’avevo guardata con due. Fui il primo a Pola, il primo a Cattaro, il primo a Vienna. Ero al Veliki, al Faiti, al Timavo. Servii sul mare e sotto al mare. Nella notte di Buccari giurai a me stesso che avrei salvato Fiume. E nella notte di Ronchi tenni il giuramento. Di qui partirò per sciogliere un più arduo voto.”
Gabriele d’Annunzio
Articolo precedente“GIALLO ALLA REGIONE MOLISE NEL SETTORE TRASPORTI”
Articolo successivoDecreto Sostegni Ter, il nuovo testo integrale