di T.A.

Una pena ritenuta spropositata in un Paese democratico come l’Italia. A sostenerlo é la Federazione Nazionale della Stampa Italiana relativamente alla pena del carcere per la diffamazione a mezzo stampa, Federazione che sollecita la politica italiana agli opportuni adempimenti per la modifica del tutto.  Di seguito il comunicato stampa della FNSI:

Diffamazione, Fnsi: “Carcere per i giornalisti una vergogna italiana”

“Il caso del cronista del Giornale condannato al carcere ricorda a tutti – giornalisti, politica e opinione pubblica – quella che è una vergogna italiana: in Italia, nel 2024, il codice penale prevede ancora le manette per i giornalisti che dovessero essere riconosciuti colpevoli di diffamazione a mezzo stampa”.
Lo afferma Alessandra Costante, segretaria generale della Fnsi. “Ma al di là del caso specifico – prosegue – quello che la Federazione nazionale della Stampa ripete da anni è che in un Paese democratico punire con la reclusione i cronisti non è accettabile. I giudici fanno
il loro lavoro applicando le leggi esistenti. Restiamo in attesa che anche il legislatore faccia il proprio lavoro: recepire le indicazioni della Corte costituzionale e eliminare il carcere dalle pene previste per la diffamazione, senza per questo prevedere sanzioni economiche tanto spropositate da avere sulla libertà di stampa quell’effetto raggelante più volte denunciato nelle sentenze delle Corte europea dei diritti dell’uomo”.

Articolo precedenteISERNIA. ELEZIONI EUROPEE 8 e 9 GIUGNO 2024 TRASFERIMENTO TEMPORANEO SEZIONI ELETTORALI
Articolo successivoSequestro preventivo di oltre 500 mila € a una società di trasporto della Provincia di Campobasso.