“Entro due anni l’Italia tornerà alla lira”. La profezia del ‘Guardian’.

lira il ritorno goodbig

 

“L’Italia si prepara ad imboccare l’uscita. Anche se l’ipotesi di uscire dall’Euro può sembrare fantasiosa per uno dei membri fondatori, c’è una crescente sensazione che fra non più di 2 anni da oggi, Roma sarà nuovamente amministrata dalla propria moneta. I dati della scorsa settimana hanno fotografato un Paese in profonda crisi. Con un PIL inferiore del 10% rispetto a prima della crisi finanziaria, l’Italia è bloccata da una profonda depressione. Tutti gli sforzi per rilanciare l’economia hanno fallito, tale è la natura sclerotica delle norme fiscali, del mercato del lavoro e delle sue regole. Tutto questo ha impedito il progresso verso un’economia più efficace libera da sussidi e benefici tradizionali”. Così il quotidiano inglese The Guardian apre un breve articolo sulla situazione dell’Eurozona in generale e dell’Italia in particolare.
IL CAMBIO DI ROTTA – “C’è stato un tempo in cui la classe media italiana non voleva sentir parlare di un’uscita dell’euro – si legge sempre nell’analisi del Guardian -. Grazie all’Euro hanno mantenuto i loro risparmi e tutte le altre attività, in particolare le loro proprietà, hanno goduto di un valore sicuro con la moneta unica. L’uscita dell’Euro avrebbe portato ad un’enorme calo della ricchezza. Questa paura sembra essere evaporata oggi. Più in generale, le mancate promesse di crescita hanno fatto mancare sostegno di Bruxelles e della Banca centrale europea all’Italia”.

SVALUTAZIONE NECESSARIA – “Gli italiani hanno aspettato tre anni che il capo della Bce Mario Draghi iniziasse a stampare moneta coma la Banca d’Inghilterra e la Federal Reserve – prosegue l’analisi del quotidiano britannico -. Draghi parla all’infinito di immettere liquidità nelle economie in difficoltà della zona euro, per poi tirarsi indietro. La settimana scorsa è successo di nuovo. Ma anche quando una spinta di Draghi viene messa in pratica, è improbabile che sia efficace. Gli italiani stessi lo sanno. Hanno bisogno di una svalutazione della moneta. E’ l’unica via di salvezza. I giapponesi lo hanno fatto. Questo può essere un buon modello di riferimento, a differenza di quanto stanno facendo gli altri Paesi più importanti creando un enorme debito nel settore pubblico.
Non si possono commettere errori, un ritorno alla lira sarà doloroso. Eppure sembra che gli elettori siano disposti a contemplare questa possibilità per fermare la deriva dell’economia italiana.”

Fonte (Qui Finanza)

 

Articolo precedenteAuditorium Unità d’Italia, presentata la «Stagione di prosa 2014-2015»
Articolo successivoCARENZA DI FONDI, SALTA PER IL 2015 IL “CIVIS ANNI” DI VENAFRO