Un’avventura che sa trasportare chi in questo mondo la sua impronta vuole lasciare”, questo lo slogan coniato dagli studenti del Majorana Fascitelli per promuovere l’offerta formativa dell’Istituto isernino che, come ogni anno, torna ad aprire nuovamente le porte al territorio.

Ispirato al film Jumanji, in cui quattro amici si ritrovano in un gioco ambientato in un mondo esotico e pericoloso, la “giungla intricata” vuole rappresentare metaforicamente la delicata fase dell’adolescenza con i suoi problemi e le sue crisi.  Vincere dunque il gioco di Jumanji equivale a uscire dalla giungla, a ritrovare se stessi e, scoprendo punti di forza e di debolezza, a imparare a costruire la propria strada.

Questo il messaggio che gli studenti del Majorana-Fascitelli hanno voluto lanciare ai giovani compagni che sono in procinto di scegliere un proprio percorso di studi, incoraggiandoli a non temere le sfide ma ad affrontarle, mirando sempre più in alto.

Trascinato dal loro entusiasmo, l’Istituto si ripropone dunque con un bagaglio di proposte sì ancorate a una visione tradizionale del sapere, ma nel contempo aperte e protese a una realtà dinamica e in evoluzione che la Scuola traduce attraverso nuovi linguaggi e sempre nuove opportunità per i suoi studenti.

Accanto alle curvature già collaudate del Potenziamento dell’area scientifica, nella sua versione più tradizionale o in quella 3.0, e al Biomedico, che nei suoi tre anni di attivazione ha fatto registrare un alto numero di studenti, dall’anno scolastico 2023-2024 sarà attivata un’ulteriore opzione, sempre interna all’indirizzo Ordinamento, la Curvatura Comunicazione, che andrà a privilegiare lo studio dei mezzi di comunicazione audiovisiva, multimediale e digitale, con attenzione a giornalismo, cinema, teatro, ai diversi linguaggi, al Pubblic speaking e al Debate. Ulteriore novità la Curvatura Digitale per Scienze applicate, che mira a potenziare la sinergia già esistente tra la sfera scientifica e quella tecnologica, attraverso ambienti di apprendimento polifunzionali e flessibili, e quella Beni culturali per il Liceo Classico, con il suo focus sullo sviluppo della consapevolezza del significato fondante del patrimonio archeologico e artistico-museale italiano e della sua importanza come risorsa identitaria del nostro Paese.

L’appuntamento dunque è per mercoledì 25 gennaio 2023, dalle ore 15.30 alle 19.00, per addentrarsi nel composito e straordinario mondo di Jumanji, ricreato nella sede del Liceo Scientifico in Corso Risorgimento.

Articolo precedenteIn Veneto progetto di legge per togliere il nome di Tito dalla toponomastica
Articolo successivoZes Puglia Molise, il Commissario Guadagnuolo fa il punto delle attività svolte