Lo scorso 9 novembre, c’è stata la consegna ufficiale dei documenti antichi che la famiglia De Leonardis ha voluto donare al Comune di Isernia e che saranno custoditi nella biblioteca comunale ‘Michele Romano’. La donazione, avvenuta per mano di Alessandro De Leonardis e sua figlia Manuela, è stata ricevuta dall’assessore all’istruzione e biblioteche, Sonia De Toma, e dal direttore della biblioteca comunale, Gabriele Venditti.

«Dal 15 dicembre – ha detto l’assessore De Toma –, sarà allestita una Mostra della Donazione De Leonardis, che resterà aperta fino al 19 gennaio del 2018. La donazione arricchisce ulteriormente il già prestigioso patrimonio di cui la biblioteca comunale è proprietaria e conservatrice, ed è di grande importanza per la ricostruzione della memoria storica di Isernia, dai particolari di semplice vita quotidiana a quelli memorabili, dall’archeologia agli eventi sismici e a quant’altro, nei secoli, ha portato ai mutamenti sociali, urbanistici e culturali della città».

Come si ricorderà, con deliberazione dello scorso maggio la giunta comunale isernina aveva accettato la donazione di libri, opuscoli, disegni e documenti riguardanti la storia della città, proveniente dall’archivio privato della famiglia De Leonardis, antico casato isernino. Fra i volumi donati c’è una particolare copia de ‘La storia di Isernia’ di Raffaello Garrucci, che è diventata un esemplare unico perché illustrato da disegni originali di Cesare De Leonardis (Isernia 1840-1901), che fu autore di numerosi scritti e tavole che costituiscono testimonianza inedita e unica di siti, edifici e monumenti andati distrutti.