Nel corso dell’odierna mattinata, nel centro antico della città di Napoli, mediante una operazione congiunta della Guardia di Finanza del Gruppo di Isernia e della Squadra Mobile presso la Questura di Isernia è stata data esecuzione ad una Ordinanza del GIP del Tribunale di Isernia, emessa su richiesta di questa Procura della Repubblica, nei confronti di due persone, un uomo e una donna, dediti alla spendita di banconote false in diverse località del centro-sud e che nei mesi tra maggio e giugno hanno agito in almeno sette occasioni anche nella Provincia di Isernia.

Gli indagati, talvolta operando insieme, altre separatamente, dopo aver scelto l’esercizio commerciale bersaglio (farmacie, parrucchieri, negozi di ottica, etc.), ivi acquistavano beni di scarso valore pagando o provando a pagare con banconote da 100 euro contraffatte, al fine di ottenere il profitto corrispondente al resto resogli dall’esercente. Le condotte oggetto di indagine, oltre a configurare la fattispecie di cui all’art. 455 c.p., costituiscono altrettante ipotesi di truffa consumata o tentata in danno dei destinatari del pagamento, la quasi totalità dei quali ha presentato formale querela.

A carico degli indagati è stato ritenuto sussistente un grave quadro indiziario fondato sulle dichiarazioni delle vittime, sulle immagini di videosorveglianza degli esercizi commerciali colpiti e sulla conferma ottenuta dalla Banca di Italia rispetto alla falsità delle banconote spese dagli indagati e successivamente sequestrate. Le indagini, coordinate e dirette da questa Procura della Repubblica e affidate alla Guardia di Finanza del Gruppo di Isernia e alla Squadra Mobile presso la Questura di Isernia, proseguiranno al fine di comprendere se gli indagati siano coinvolti anche nella produzione delle banconote contraffatte, delle quali è attualmente ignota la fonte.

Nei prossimi giorni gli indagati, attualmente sottoposti alla misura cautelare degli Arresti Domiciliari, potranno fornire la propria versione dei fatti al GIP in sede di interrogatorio, fornendo eventuali elementi a propria discolpa.

 

Articolo precedenteL’ultimo saluto di Venafro ad Anna “Ninuccia” Pirolli, 94enne appassionata della più schietta venafranità
Articolo successivoE’ arrivato a Venafro Olliver Circus, uno spettacolare show per tutte le età !