di T.A.

Intensità, condivisioni, non condivisioni, tesi, contro/tesi e lavori non stop a Venafro col consiglio comunale monotematico aperto, tenutosi ieri sera  su tematiche ambientali al complesso religioso di Don Orione per accogliere tanta gente. E i venafrani in effetti hanno partecipato in buon numero per ascoltare e dire a loro volta di questioni ambientali cittadine. In attesa di eventuale comunicato ufficiale al riguardo da parte dell’ente locale, va detto che hanno parlato in tanti: amministratori locali, esperti ISPRA, esponenti CNR, cittadini comuni e le associazioni venafrane, esponendo ciascuno le proprie tesi e le personali convinzioni. Non sono mancati applausi dalla sala, così come non si sono fatti attendere mugugni da parte dei presenti, in ragione di quanto asserito ed ascoltato. Per restare sul tema/ambiente, da riferire il recente comunicato ufficiale della direzione Colacem di Sesto Campano, stabilimento per la produzione di cemento situato a sud della piana di Venafro, che ha rimarcato la propria temporanea sospensione dell’attività per questioni aziendali interne in costanza di dati ambientali inquinamenti nella zona. Ed allora, è quanto si potrebbe ricavare dal comunicato Colacem, da chi, da dove e perché il presunto inquinamento nell’estremo Molise dell’ovest, ammesso che tanto sia ? Chiudendo col consiglio comunale aperto e monotematico di lunedì sera, si resta in attesa -ammesso che ci sarà- dell’eventuale comunicato dell’ente locale sui lavori consiliari svoltisi.

Articolo precedenteMICHELE IORIO MINACCIA DIMISSIONI SE CHIUDONO EMODINAMICA A ISERNIA
Articolo successivoCONFERIMENTO DI UN INCARICO PROFESSIONALE DI DIFESA PER LA TUTELA DELL’IMMAGINE DELL’ASREM. LA REGIONE REVOCA LA DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE