di Redazione

Presso lo Spazio Sfuso di Campobasso l’evento organizzato da Legambiente a cui hanno partecipato Marialuisa Forte e Pino Ruta. Assente Aldo De Benedittis che, per impegni già presi, chiede un incontro successivo.

Ecologia, territorio e vita in comune: questo il sottotitolo dell’iniziativa organizzata nel pomeriggio di oggi dal Circolo Legambiente Eugenio Cirese di Campobasso per presentare le proposte dell’associazione ai candidati alla carica di Sindaco di Campobasso e ai candidati consiglieri presenti in sala. Un incontro che ha visto la partecipazione dei candidati  Marialuisa Forte e Pino Ruta, che hanno mostrato molta attenzione per i temi trattati. L’evento è stato introdotto dal Presidente del Circolo Paolo Fagliarone che, dopo aver ringraziato i presenti, ha sottolineando l’importanza di programmare delle politiche che guardino oltre il perimetro cittadino perché Campobasso – ha affermato – è centro di gravità per migliaia di studenti, lavoratori e cittadini bisognosi di cure mediche, servizi finanziari o amministrativi, merci, cultura e divertimento provenienti dai paesi del circondario. Dopo aver introdotto l’incontro i due candidati presenti si sono confrontati su tematiche quali la gestione dei rifiuti, i trasporti, la vivibilità urbana e lo spopolamento. Temi cari all’associazione che ha avanzato ai candidati delle proposte riassunte nel documento “Campobasso in cantiere: appunti per una città vivibile e a prova di futuro” (qui il link al documento https://drive.google.com/file/d/1lTW_zaYzk_NjYSBfnC-ELAioJ9rX5T_4/view). Il documento contiene importanti suggerimenti che, se raccolti, possono permettere a Campobasso di migliorare le sue performance nel campo della sostenibilità ambientale. Eccone alcune:

– progettazione del verde urbano quale strumento per la mitigazione degli effetti climatici e per la proliferazione della biodiversità;

– riduzione della quantità pro-capite di rifiuto indifferenziato mandato in discarica dai cittadini di Campobasso;

– collegare le due aree pedonali del Corso Vittorio Emanuele e di Piazza Pepe mediante la pedonalizzazione del breve tratto tra villa Flora e via Pietrunto;

– pianificazione della città a quindici minuti (spostamento a piedi), e potenziamento della rete di trasporto pubblico sottoutilizzata;

– housing sociale o edilizia agevolata per ricostituire le originarie unità di vicinato e garantire la giusta frequentazione della zona del centro storico;

Al contempo i soci del circolo hanno raccolto le idee dei candidati sulla riqualificazione urbana e sugli strumenti urbanistici e finanziari per realizzare i necessari servizi nelle contrade, sulla realizzazione di parcheggi di scambio a supporto delle aree pedonali e sul verde urbano.
Articolo precedenteNO PIZZONE II – A Castel San Vincenzo è stato un incontro importante che ha messo insieme persone, associazioni ed idee
Articolo successivoELETTA LA MISS MONDO MOLISE 2024, SOPHIA CASOLINO 19 ANNI DI TERMOLI(CB) VINCE IL TITOLO NELLA FINALE DI TERMOLI, RAPPRESENTERA’ IL MOLISE UNITAMENTE AD ALTRE 5 MISS DELLA REGIONE NELLA FINALE NAZIONALE DI GALLIPOLI DAL 1 IL 16 GIUGNO.