Proseguono i controlli dei Carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro di Isernia nell’ambito del programma anti caporalato, in collaborazione con i militari dell’Arma territoriale, nelle attività imprenditoriali della provincia per verificare il rispetto delle normative sulla sicurezza dei luoghi di lavoro.

A finire sotto la lente d’ingrandimento, questa volta, è stato un esercente di un’attività di ristorazione. A seguito della verifica, i militari hanno deferito alla competente Autorità Giudiziaria il titolare per aver impiegato cinque lavoratori in nero. Nello stesso contesto è stata adottata la sospensione dell’attività imprenditoriale e contestate violazioni amministrative per un valore pari a circa 50.000/00 euro.