Il Commissario nazionale della Protezione Civile, Domenico Arcuri, pone la parola fine sulla diatriba in corso da mesi. Con una lettera, ha informato il governatore Toma e il Commissario alla sanità Giustini che il ‘Vietri’ di Larino non sarà mai centro Covid.

Per Arcuri, i costi sono troppo alti e, sull’hub regionale del ‘Cardarelli’ di Campobasso, non si torna indietro. La scelta è stata fatta a suo tempo e il progetto va portato a compimento. Inoltre, ha rassicurato tutti, che verranno attivati con celerità altri 26 posti letto in terapia intensiva tra ‘Cardarelli’ di Campobasso, il Veneziale di Isernia e il San Timoteo di Termoli.

Fine delle polemiche? La notizia, di certo, non passerà sotto silenzio nel mondo politico regionale alle prese con l’emergenza sanitaria. Vedremo quali saranno le reazioni di chi si sta battendo strenuamente per avere il centro Covid a Larino.

Articolo precedente“Operazione Minerva” della Finanza contro il clan dei “Casalesi”, coinvolta anche la provincia Isernia
Articolo successivoToma e Arcuri decidono: I malati Covid vanno nei ‘container’