di T.A.

TANTE BELLE NOVITA’ DAL “VENAFRO DAY” PRESENTE TRA GLI ALTRI DIEGO ARMANDO MARADONA JUNIOR, EX PORTACOLORI DEL VENAFRO

Decine e decine di presenze tra ex calciatori, mister del passato, appassionati, tifosi e dirigenti di oggi, il tutto condito da tanti sorrisi, pacche sulle spalle ed abbracci calorosi tra i partecipanti al “VENAFRO DAY” al Palace Hotel della città. Una gran bella festa sportiva espressamente voluta dal presidente attuale del  Venafro,  Nicandro Patriciello, quale evento beneaugurante per la prossima stagione del calcio dilettantistico molisano che potrebbe segnare il riscatto del Venafro e -finalmente !- il ritorno in serie D.  “Si, è questo il nostro preciso traguardo della stagione calcistica molisana che sta per iniziare -afferma in tutta convinzione il massimo responsabile del calcio venafrano- e stiamo attrezzando la squadra in vista di tale approdo. Lo desidera il nostro club, lo chiedono gli sportivi che ci seguono, lo attende l’intera città. E come Us Venafro miriamo senza mezzi termini a coronare questo sogno, tornando in serie D dopo tant’anni di eccellenza molisana”. Quindi il “VENAFRO DAY”. Tantissime le presenze e tra queste da segnalare il graditissimo ritorno a Venafro di DIEGO ARMANDO MARADONA JUNIOR, figlio dell’indimenticabile “PIBE DE ORO” che decenni addietro vestì la casacca del Venafro, segnando tra l’altro un gol bellissimo rimasto negli occhi degli appassionati venafrani. Il giovane, si ricorda, era accompagnato ogni domenica dalla madre napoletana, che si sistemava in piedi sull’ultimo gradone in alto delle tribune per seguire il figlio, appassionandosi alle sue giocate ed a quelle del Venafro. E per ricordare la presenza di Diego Junior a Venafro la società del Presidente Nicandro Patriciello l’ha festeggiato, premiandolo con una bellissima targa. Quindi le altre gradite presenze al “VENAFRO DAY”, soprattutto di tecnici, giocatori e dirigenti della storia calcistica cittadina. Tra le tante da segnalare gli ex tecnici e giocatori Nicola Stella ed Omero Mian, nonché i “prodotti locali” tra cui Stefano Martino e Peppe Mella, senza dimenticare i numerosi talenti campani, laziali, molisani ed abruzzesi che nel corso degli anni hanno vestito la maglia del Venafro, società -si ricorda- nata nel 1954, appunto ottant’anni orsono, grazie soprattutto alla passione di operai ed artigiani della città, affiancati da professionisti del posto. Nel corso della giornata non é mancata la presentazione di un testo a firma di Antonio Sorbo dedicato alla storia del calcio cittadino, nonché il saluto del mister del Venafro 2024/25 Corrado Urbano, tecnico col quale la società calcistica punta a tornare in D grazie anche a validi ingaggi di nuovi giocatori segnalati dal neo tecnico. Tra questi da citare il ritorno di Vincenzo Ricamato, talento locale, in precedenza con le maglie di Cassino, Agnone e Matese, e finalmente rientrato a Venafro per tornare a vestirne la  casacca. Un ”VENAFRO DAY” quindi quanto mai festoso e pieno di sorrisi, quale viatico beneaugurante per la stagione sportiva 2024/25 che sta per iniziare.

 

Articolo precedenteIL VIAGGIO DELLA “DILIGENZA” REGIONALE DAL MOLISE PER ROMA
Articolo successivoLA VITE “RAMPICANTE” ULTRADECENNALE, UN BELLISSIMO SPETTACOLO DELLA NATURA