Oggi venerdì 7 giugno ore 14.30 e domani sabato 8 giugno – ore 8.30. Aula Centro Servizi Culturali “G. A. Colozza” I Edificio Polifunzionale Adiacente al Dipartimento Giuridico – Viale Manzoni Campobasso.

Torna dunque l’ormai consueto simposio scientifico curato dalla Dr.ssa Tiziana Scellini, Dirigente Medico Fisiatra dell’ASRe Molise, e da poco con l’incarico di Direttore di UOC Riabilitazione e Assistenza Centri Residenziali e Semiresidenziali. Ausili e autonomia e prospettive future le tematiche dell’evento dell’edizione del 2014, Nuove tecnologie e ruolo dei centri nella scelta degli ausili tecnologici, gli aspetti nodali affrontati e discussi nel 2015, nel 2016 e 2017 è stata la volta delle problematiche di riabilitazione nelle amputazioni e il percorso di vita con protesi.

Il Paziente anziano, la sua instabilità posturale, movimento e benessere gli argomenti protagonisti dell’incontro scientifico dell’edizione dell’anno scorso; Il mondo che cambia: descrizione, riconoscimento e costruzione di un approccio di sistema al governo dei processi di salute del paziente fragile e dei suoi bisogni invisibili è il titolo della due giorni programmata domani, venerdì 7, a partire dalle ore 14.30 e sabato 8 giugno.

L’assistenza ai “pazienti fragili” rappresenta oggi una delle grandi sfide della nostra epoca: segno del cambiamento della medicina che deve modificarsi per migliorare l’adeguatezza diagnostica e terapeutica, costruire un approccio di sistema al governo dei processi di salute e, infine, garantire l’espressione della professionalità dei medici.

Questo evento si propone, partendo dal medico di famiglia, come front office del servizio sanitario e, continuando con l’esperienza sul campo delle varie figure professionali, di offrire conoscenze sull’impostazione di una strategia che costituisce il primo e importante passaggio per la pianificazione di nuovi modelli organizzativi, finalizzati all’individuazione della risposta assistenziale più appropriata.

E, in un quadro clinico severo, ciò che è essenziale in un percorso riabilitativo e che, allo stesso tempo, lo caratterizza, è sicuramente la prospettiva di conseguimento dell’autonomia personale.

L’approccio di ampio respiro che vedrà insieme varie professionalità (fisiatri ed altre figure mediche specialistiche, cardiologi, neurologi, radiologi, chirurghi generali, fisioterapisti, terapisti occupazionali, infermieri professionali, tecnici ortopedici) per fornire ai partecipanti una prospettiva a più campi di indagine e di studio e una più approfondita conoscenza su “Il mondo che cambia: descrizione, riconoscimento e costruzione di un approccio di sistema al governo dei processi di salute del paziente fragile e dei suoi bisogni invisibili”.

Le nuove linee guida in riabilitazione redatte e proposte alla Direzione ASReM dalla Dr.ssa Tiziana Scellini, con l’obiettivo di proporle al contesto istituzionale regionale e in relazione proprio al recente decreto del Commissario sui nuovi LEA in riabilitazione, saranno tra i punti nodali della due giorni scientifico- formativa e di aggiornamento e qualificazione professionale.