L’ennesima disavventura di viaggiatori in Molise, con proteste, rabbia e contrarietà che si tagliano a fette !

 

Una ennesima giornata da tregenda, ad essere buoni …, vissuta in Molise da malcapitati viaggiatori su rotaia. Un qualcosa da “quarto mondo” col quale, nostro malgrado, noi molisani che stacchiamo un tagliando di viaggio in treno dobbiamo continuare a fare i conti. In effetti, nonostante l’indimenticabile epartecipatissima con esponenti istituzionali molisani e dirigenti di TrenItalia conferenza stampa tenutasi in “pompa magna” anni addietro alla stazione ferroviaria di Roccaranvidola che si pensava, meglio si sperava fosse per annunciare il completamento e finalmente il rinnovamento dei viaggi in treno attraverso il Molise ma alla prova dei fatti tutt’altro visto quanto continua ad accadere, nonostante tanta pompa e tanto clamore di allora si continua nella ventesima regione d’Italia a restare a piedi senza il treno in scaletta, senza servizio sostitutivo su gomma e senza certezza/garanzia alcuna di raggiungere per tempo una determinata località per l’agognatissima coincidenza ! Roba, ripetiamo, da”quarto mondo”, ma purtroppo assolutamente realistica visto quanto capitato a decine e decine di “disgraziatissimi” (leggi sfortunatissimi) viaggiatori su rotaia alla stazione ferroviaria di Venafro. Per capire la giornata da tregenda vissuta da tanti in Molise ecco quanto si legge su fb, postato dagli stessi “disgraziatissimi” viaggiatori su rotaia : “Queste persone -ci si riferisce alla foto allegata che ritrae le persone loro malgrado in attesa di proseguire il tormentatissimo viaggio dalla stazione di Venafro- in attesa sulla banchina della stazione di Venafro sono partite da Isernia con due bus alle h 14,50 per prendere il treno per Roma alle 15,30. Arrivati a Venafro l’apprezzatissima sorpresa di quei burloni di Trenitalia : il treno non c’é e non arriverà mai. A quel punto si iniziano a valutare strade alternative tipo Cassino, ma non per tutti, solo per quelli che ne hanno effettivamente urgenza, perché hanno coincidenze da prendere a Roma. Non sappiano come finirà il viaggio …, ma diciamo che se piove può sempre andare peggio, può lasciarti a piedi il treno !”. Incredibile, è dire poco ! A seguire “il rosario” delle osservazioni dei “disgraziatissimi” viaggiatori, puntualmente riportate su fb e i cui termini essenziali si ripropongono per trasmettere la gravità dell’accaduto e i problemi arrecati a tanti : “umiliazioni continue”, “degrado”, “orrore”, “tristezza”, “inciviltà”, “vergogna, “incredibile”, “m …”, chiudendo con quanto scrive F. M. : “soprattutto senza un posto dove fermarsi a prendere un caffè o andare in bagno, ammassati sotto una stretta pensilina come quella di Venafro !”. Signori di Trenitalia è così che debbasi viaggiare su rotaia in Molise ?

Articolo precedenteCORRILASCUOLA: ARRIVANO LE PRIME ISCRIZIONI E MAGLIETTE GIA’ IN CONSEGNA
Articolo successivoIl “Del Prete” di Venafro ? All’esterno purtroppo grandi fossi profondi e pericolosi !