Il 2 settembre appuntamento a Venafro con l’Opera al Verlasce, appuntamento promosso dall’assessorato alla cultura della Regione Molise

Ennesima positiva conferma del trend che da tempo accomuna il Molise dell’estremo ovest con l’opera lirica ed il “bel canto” in generale, come appunto viene definita la lirica. Regione e lirica che procedono convinti sotto braccio, conquistando via via simpatie e consensi crescenti. Dopo le sporadiche prime volte degli anni trascorsi, il 2022 pare invece aver imboccato la via maestra della diffusione della lirica e del bel canto in maniera continuativa e precisa. Aveva aperto, giusto per ricordare, il movimento popolare venafrano “I Venafrani per Venafro” che d’intesa con l’Associazione Madonna del Carmine aveva presentato il 14 luglio scorso dinanzi alla Cattedrale cittadina l’applauditissimo “3° Concerto alla Vergine” con musicisti a cantanti lirici laziali, campani e molisani.

In precedenza sempre “I Venafrani per Venafro” avevano presentato numerose edizioni annuali del “Concerto per un Martirio” sempre in ambito lirico nell’ambito delle festività patronali venafrane di metà giugno. “La palla” passava quindi all’Associazione Mario Lanza di Filignano che in agosto presentava all’aia della frazione Mennella l’opera lirica La Traviata ed il Gran Galà Lirico.

Terzo appuntamento di nuovo a Venafro con la recentissima edizione dell’Opera al Laghetto con la Cavalleria Rusticana e venendo alla prossima attualità eccoci all’Opera al Verlasce di Venafro ideata dall’assessorato alla cultura della  Regione Molise. Di tale appuntamento in calendario dalle h 21.00 del 2 settembre, e che sarà a ragione ad ingresso libero perché tutti finalmente possano fruire ed avvicinarsi a tale arte, si può leggere nell’allegato che spiega nei dettagli iniziativa, ideatori e protagonisti dell’evento. Ed allora … venafrani e non solo tutti all’opera con “L’Opera al Verlasce” di Venafro !

Articolo precedenteMusica jazz al laghetto di Venafro con “Saint Louis Jazz Band”
Articolo successivoAuguri al Lgt. C.S. dell’Arma Franco Di Lucia, neo pensionato