Il Molise presente per la prima volta nel comitato centrale della Fnopi, la Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche. Si tratta dell’organo ufficiale in cui si decide la politica professionale. La rappresentanza della nostra regione è stata conquistata sul campo grazie all’impegno di Maria Cristina Magnocavallo, eletta nel consesso nazionale, che ha anche confermato presidente Barbara Mangiacavalli per il prossimo quadriennio 2021-2024.

La nomina è avvenuta all’unanimità, così come la scelta delle cariche che guideranno la Federazione degli oltre 454 mila infermieri presenti in Italia fino al 2024: vice presidente Cosimo Cicia, segretaria nazionale Beatrice Mazzoleni, tesoriere Pierpaolo Pateri.

L’assemblea degli ordini provinciali aveva votato lo scorso weekend i quindici rappresentanti – secondo la legge 3/2028 – del Comitato centrale FNOPI.

Ne fanno parte, oltre ai consiglieri già citati, i presidenti di Ordine: Giancarlo Cicolini (Chieti), Nicola Draoli (Grosseto), Carmelo Gagliano (Genova), Pietro Giurdanella (Bologna), Maria Cristina Magnocavallo (Campobasso-Isernia), Stefano Moscato (Vibo Valentia), Luigi Pais Dei Mori (Belluno), Antonio Scarpa (Brindisi), Massimiliano Sciretti (Torino), Carmelo Spica (Catania) e Maurizio Zega (Roma).

Sono Revisori dei conti i presidenti: Salvatore Occhipinti (Agrigento), Gennaro Scialò (Frosinone) e Raffaele Secci (Oristano, revisore supplente)

“I valori della professione infermieristica in cui questa squadra si riconosce – ha commentato Barbara Mangiacavalli – sono gli stessi che animano il nostro SSN e che insieme costituiscono la cornice etica, deontologica e sociale da perseguire. L’unicità, l’universalità ed il solidarismo prima di tutto. In questi valori dobbiamo riconoscerci e farci riconoscere, in quanto essenziali e prioritari per risposte eque ed appropriate ai nostri cittadini, senza alcuna distinzione sociale, di genere, di orientamento della sessualità, etnica, religiosa e culturale. Ma i nostri valori sono anche l’inclusività, l’ascolto, la partecipazione e la resilienza. Resilienza intesa come capacità di gestire i cambiamenti, lo sviluppo e le incertezze”.

“Questi valori – ha concluso – devono trovare realizzazione secondo i principi che la normativa ordinistica ben riconosce: autonomia, responsabilità, indipendenza, ma anche coerenza e profilo istituzionale nel nostro essere sussidiari allo Stato italiano. Un’azione che può realizzarsi solo con evidenze e studio senza recriminazioni sterili e non supportate”.

Sei i punti cardine indicati dal nuovo Comitato centrale FNOPI su cui si lavorerà nel prossimo quadriennio: rendere stabile e attuale il concetto di specificità infermieristica; realizzare una revisione e sviluppo qualitativo e quantitativo dei programmi dei percorsi di base e post base; valorizzata l’identità professionale con interventi sugli studi per il dimensionamento degli organici di personale infermieristico nel medio periodo; consolidare l’azione politica professionale a tutti i livelli per la prosecuzione dell’impegno nei tavoli istituzionali; rafforzare la rete di collaborazione con le forme di associazione comunitaria quali Osservatori e le Consulte dei pazienti e dei cittadini ed elle Associazioni e Società Scientifiche; sostenere e accompagnare gli Ordini Provinciali e le Commissioni di albo infermieri e infermieri pediatrici nella piena applicazione della legge 3/2018 e nel ruolo di rappresentanza politico.

La scheda

Maria Cristina Magnocavallo (Presidente OPI Campobasso-Isernia)

Presidente dell’Ordine delle professioni infermieristiche di Campobasso Isernia, è Coordinatore struttura territoriale Ospedale di Comunità di Larino – Unità Degenza Infermieristica. Laureata magistrale in Scienze infermieristiche all’Università di Chieti. Componente tavolo tecnico sugli ospedali di Comunità, ministero della Salute. Ha conseguito anche il certificato di abilitazione alle funzioni direttive, ha il diploma di specializzazione in dialisi e tecniche dialitiche. Ha conseguito il master di II livello in Management sanitario all’Università dell’Aquila, il diploma del Corso di perfezionamento in gestione delle risorse umane all’Università di Chieti ed è in possesso anche dell’attestato di idoneità tecnica di “addetto antincendio”. Ha conseguito il Master forense di I livello all’Università del Molise. Direttore corsi Oss dell’Asrem. Dal 2 febbraio 2018 presidente Revisori dei conti Cives.

Articolo precedentePrevisioni meteo del 03/04 per le principali località del Molise
Articolo successivoBrucia il bosco vicino l’osservatorio astronomico di monte Mauro, per spegnere le fiamme interviene anche l’elicottero