Il Milan di Pioli si è semi inceppato a Cremona (0-0), complici l’ottimo portiere cremonese autore di due/tre interventi pregevoli salva risultato, ma anche per la serata/no dei vari Leao, Rebic, GDK ed altri, incapaci di centrare il bersaglio, eccezion fatta per Origi che però avevano segnato in fuorigioco, dal che l’annullamento della rete. In effetti i rossoneri, che adesso sono a 8 punti dalla vetta saldamente nelle mani del Napoli capolista, hanno “pagato” assenze importanti come quelle di Theo e Giraud, entrambi squalificati, che però potranno rientrare sabato con la Fiorentina a Milano, ultima partita prima della lunga sosta per i mondiali, cui l’Italia -è purtroppo notorio- non parteciperà non essendo riuscita a qualificarsi ! Ma se il Milan di Pioli rallenta, non altrettanto fa il neo Milan Club di Isernia del Presidente Cané, del Segretario Miele e degli oltre cento iscritti, sodalizio che ha appena fatto confezionare gli striscioni sociali con l’intento di esporli in bella evidenza a San Siro e negli stadi di tutt’Italia per sostenere il Milan e portarlo alla vittoria.

“Li hanno voluti tutti gli iscritti al Milan Club Isernia -spiega il segretario del club pentro,Tonino Miele- per essere al fianco del Milan nel prosieguo della stagione e per incitare la squadra. Tali striscioni, peraltro assai belli, sono la dimostrazione tangibile della vicinanza morale ed effettiva dei milanisti molisani a tutti i giocatori del Milan, nessuno escluso, ed al tecnico Pioli”.

Articolo precedenteConvegno sull’olio extravergine di oliva ad Isernia
Articolo successivoAl Venafro (2-1) il primo derby di Coppa Italia coi “cugini” isernini