di Redazione

Il Consiglio Regionale nella seduta di questa mattina ha approvato all’unanimità una mozione sottoscritta da tutti i Consiglieri regionali di maggioranza e di minoranza, per il sostegno della candidatura della città di Agnone a Capitale italiana della Cultura 2026.

L’iniziativa è stata presentata all’Aula dal primo firmatario Consigliere Andrea Greco, sono seguiti gli interventi dei Consiglieri Salvatore, Gravina, Cofelice, Niro, Romano,  dell’Assessore al Turismo Micone e del Presidente della Giunta regionale Roberti. In particolare, con l’atto assunto, il Consiglio regionale prende atto che, con il dossier dal titolo “Agnone 2026: Fuoco, dentro. Margine al centro”, la città di Agnone si è posizionata tra le dieci finaliste per la candidatura a Capitale Italiana della Cultura 2026, assicurando prestigio e riconoscibilità per l’intera regione Molise e producendo, nel contempo, significativi flussi turistici e economici. La presenza di Agnone tra le dieci città finaliste -si rileva ancora nella parte motiva dell’atto di indirizzo assunto dall’Assemblea legislativa- equivale alla candidatura di un’intera regione non solo retoricamente ma effettivamente. Una candidatura -si rileva ancora- pensata e maturata nel quadro di un processo di rigenerazione territoriale e di sviluppo sostenibile di una città che si pensa come riferimento ed esempio di quel margine dell’Italia, quell’osso del paese contrapposto alla polpa delle coste e delle grandi città metropolitane che oggi vengono sinteticamente indicate come aree interne. Di qui l’impegno che l’Assise regionale conferisce al Presidente della Giunta regionale affinché provveda:

  • a riconfermare e rilanciare, in prossimità dell’audizione il prevista presso il Ministero di Cultura, il sostegno istituzionale già espresso dalla Regione Molise alla candidatura della città di Agnone a Capitale Italiana della Cultura 2026;
  • a supportare in trasparenza e con il massimo grado di coinvolgimento di tutte le comunità ed enti territoriali il percorso di condivisione e disseminazione regionale, nazionale e presso le molteplici comunità di molisani nel mondo il percorso e i contenuti del dossier di candidatura;
  • a sostenere l’impegno della Regione a collaborare con il Comune di Agnone e l’ATS appositamente costituitasi a realizzare almeno parte delle importanti e interessanti attività previste da programma, considerandole una occasione di rilancio più complessivo di una importante strategia culturale e patrimoniale di valorizzazione del Molise.
Articolo precedentePensiero del mattino – 27 febbraio 2024. Pace alla mia casa, a noi che ci abitiamo e a chi ci viene a trovare
Articolo successivoAnci Molise: Sciulli finanziamenti ai Comuni per la videosorveglianza urbana