Lamentele e contrarietà anche da quanti lavorano nella struttura cimiteriale pubblica

Il Cimitero Comunale di Venafro? Da sempre ”non naviga” in acque tranquille, cioè sono datati i problemi al suo interno in fatto di tenuta e pulizia, ma le problematiche negli ultimi tempi  vanno lievitando di brutto. E spiace a tutti che tanto si verifichi giusto alla vigilia dell’ormai imminente ricorrenza della commemorazione di tutti i defunti, il 2 novembre, giorno solitamente con tanti cittadini nei Cimiteri di tutt’Italia per  pregare sulle tombe dei propri cari, come appunto si verificherà anche a Venafro. Solo che al Cimitero Comunale di Venafro urge un intervento che assolutamente va risolto nell’immediato : ripulire cioè il sito cimiteriale dai cumuli di fiori secchi, ghirlande floreali e rifiuti vari accumulatisi nel tempo all’interno dell’area e non rimossi dal servizio apposito per lo smaltimento dei rifiuti, nonostante le ripetute sollecitazioni e segnalazioni in tal senso alla società preposta allo smaltimento dei rifiuti e allo stesso ente locale.

Da quanti al momento lavorano nel Cimitero per interventi privati arrivano precise puntualizzazioni al riguardo: “E’ stata più volte segnalata al Comune di Venafro –affermano quanti momentaneamente lavorano su loculi privati nel sito- tale impossibile situazione, sollecitando la rimozione dei cumuli di rifiuti e fiori secchi, ma non ci sono stati interventi.

Ed intanto l’abbandono, i rifiuti ed il disordine aumentano giorno dopo giorno ! Un gran peccato siffatta incredibile situazione in un Cimitero comunale, che dovrebbe avere tutt’altra cura e maggiori attenzioni”. Detto che a tutti spiace siffatto fenomeno, ci si augura che già domani il Cimitero pubblico venafrano recuperi la decenza, la pulizia e la solennità che gli erano solite, ma che ultimamente ha smarrito del tutto. Ne va del rispetto per i resti umani e la memoria di chi vi riposa.

 

Articolo precedenteCampobasso, il Generale C.A. Rispoli in visita al comando provinciale
Articolo successivoPASTIFICIO LA MOLISANA: PRESENTATO IL FRANCOBOLLO PER I 110 DI STORIA