Luci della ribalta puntati sullo storico, magnifico e genuino frutto del salutare ambiente venafrano, l’olio appunto, decantato ed apprezzato sin dall’antichità -i romani ne erano consumatori ed estimatori tanto in tavola che con versi poetici- ma anche i contemporanei ne sono a ragione ghiotti, facendo tantissimo bene  al corpo ed alla salute in genere. Venafro ospita infatti il 7 e l’8 dicembre prossimi il tradizionale Venolea 2022, appuntamento con la natura genuina attraverso uno dei suoi prodotti principi -l’olio, appunto-, la sua storia e la cultura popolare che l’accompagnava e tuttora ne caratterizza coltivazione, raccolta, produzione ed uso. Appuntamenti e temi della due giorni di Venolea 2022 a Venafro:  Mercoledì 7 dicembre h 15 La pietra … dal muro a secco al mosaico, h 17,30 Oleoturismo e dintorni, h 18,30 Premiazione dei vincitori del Premio Venolea 2022, Plinius oltre il tempo, h 19 La sala panel di Venafro finalmente una realtà ? Degustazione degli oli locali. Giovedì 8 dicembre h 8,30 Incontri sul campo con olivicoltori e produttori, h15 visita al Parco. Venolea 2022 è presentata, si ricorda, dal Parco Regionale dell’Olivo di Venafro e dalla Fondazione Lepore.

Articolo precedenteLA MOLISANA MAGNOLIA, DICEMBRE PARTE COL SORRISO: SUPERATO SAN GIOVANNI VALDARNO
Articolo successivoConvegni, musica e sport: tre giorni di eventi per valorizzare la montagna