di T.A.

Sulla vicenda si attende di fare piena chiarezza una volta appresi dalla casa municipale venafrana i motivi che hanno portato a tanto, ma stando ai primi commenti e pareri raccolti tra i venafrani pare proprio che l’innovazione non raccolga affatto consensi. Ci si riferisce agli aumenti delle prebende per gli amministratori cittadini decisi dal vertice comunale d’intesa con apparati interni della macchina municipale, aumenti che i venafrani hanno commentato in modo diverso e non sempre positivamente. “Aspetto di conoscere appieno la faccenda”, un primo commento di qualcuno. Un altro, “preferisco non esprimermi”. Quindi ancora, “la solita storia … Inutile commentare”. E via di questo passo, mentre tant’altri optano per il silenzio. D’acchitto quindi palese perplessità, anche se i più preferiscono apprendere di sapere e capire più prima di esprimersi. Resta comunque la contrarietà di fondo del venafrano comune una volta che la notizia ha preso a circolare. Si tornerà sulla questione non appena se ne saprà di più all’indomani delle comunicazioni ufficiali da parte della stessa casa municipale.

Articolo precedenteCastel del Giudice Centro di (ri)Generazione dell’Appennino
Articolo successivoDANNI DEL MALTEMPO DI VENERDÌ SERA A VENAFRO