“Pubblica illuminazione non il massimo sulla trafficatissima e popolata Via Campania, ingresso sud della città, mentre nel centro storico c’è una sorta di ”Abito di Arlecchino” tra luci arancioni e bianche”, afferma la gente

La pubblica illuminazione venafrana sotto la lente d’ingrandimento delle osservazioni dei cittadini. Ne viene fuori una panoramica poco positiva circa efficienza, luminosità ed aspetto del sistema cittadino dell’illuminazione di strade, piazze, vicoli, spiazzi e tant’altro. La gente osserva nel merito ed afferma : ”L’aspetto maggiormente delicato e preoccupante in materia di pubblica illuminazione nell’abitato urbano venafrano -spiega un professionista- si riscontra in via Campania, la parte urbana della Statale 85 Venafrana, ossia una strada trafficatissima che da sud immette a Venafro e lungo la quale gravitano quartieri assai popolati. Ci sono ai lati dell’arteria i pali della pubblica illuminazione, ma sono troppo distanti tra loro. Questo fa sì che ci siano tante zone al buio lungo Via Campania con conseguenti pericoli per i pedoni. Del resto numerosi sono gl’incidenti stradali verificatisi negli anni lungo tale arteria e qualcuno purtroppo con esito tragico !”. La proposta per illuminare meglio la frequentatissima ed assai trafficata Via Campania, rendendola maggiormente sicura ? “Occorre avvicinare i punti luce, installandone se necessario di nuovi. C’è necessità di maggiore luce, di più chiarore in strada e ai lati, e solo più punti/luce ravvicinati possono darla, garantendo l’incolumità dei pedoni, cosa oggi relativamente assicurata”. Dall’ingresso  sud in pianura, ci si sposta nel centro storico di Venafro con osservazioni diverse da parte dei residenti, sempre in tema d’illuminazione pubblica. “In precedenza nella Venafro antica -spiega una donna-prevaleva dappertutto la luminosità pubblica di color arancione, che conferiva tanta luce a strade, piazze,traverse e vicoli. Luce che, persistendo tuttora in tante zone, dà “calore” e luminosità piena. Poi però man mano è subentrata la cosiddetta “luce fredda”, con l’installazione di lampade a luce bianca a risparmio energetico. L’innovazione ha così trasformato la pubblica illuminazione del centro storico in una sorta di <Abito di Arlecchino>, tra luci arancioni e bianche. Francamente un aspetto poco bello a vedersi ! “. Verrà migliorato lo stato della pubblica illuminazione a Venafro ? La gente se lo augura per vivere meglio e più tranquillamente !

Articolo precedenteAIOP Molise replica a Castrataro e Greco sulla sanità privata: “Inesatezze propagandistiche – elettorali “
Articolo successivoPd e 5stelle spalleggiano Toma, la Corte dei Conti boccia il governo