Il Museo dei Misteri di Campobasso primo nella classifica provvisoria nazionale de I Luoghi del Cuore del FAI 2022

Nel concorso nazionale “I luoghi del Cuore” del Fai, “Il Museo dei Misteri” è al primo posto tra migliaia di luoghi candidati in tutta Italia: un risultato che testimonia il valore e l’amore per questo luogo e per i Misteri che ne custodisce. I Luoghi del Cuore è il più importante concorso per la tutela e la valorizzazione Italiano, un’iniziativa del FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano. Il concorso ha permesso a milioni di Italiani di scoprire luoghi meravigliosi a pochi chilometri da casa, che meritano maggiore valorizzazione e tutela.
Quest’anno, il Museo dei Misteri è ancor di più luogo del cuore, visto che i nostri Misteri sono tornati a sfilare per le vie della città dopo due anni di stop causa della pandemia, è un orgoglio e un patrimonio di Campobasso e dell’intero Molise.
Grazie all’Associazione Misteri e Tradizioni, che ha promosso la candidatura, decine di privati, associazioni e aziende si stanno mobilitando per sostenere il Museo dei Misteri e raccogliere voti on line e firme cartacee in molti posti della città e della regione. Nella classifica provvisoria nazionale al primo posto c’è il Museo dei Misteri di Campobasso con 14336 voti; seguito dalla Chiesetta di San Pietro dei Samari a Gallipoli (LE) 13664.
C’è molta soddisfazione al Museo dei Misteri, tra i membri all’Associazione Misteri e Tradizioni e naturalmente anche in città per i risultati finora arrivati, naturalmente la classifica è sempre in evoluzione e si può votare fino al 15 dicembre 2022. Può votare chiunque, anche minorenni o non residente in Italia o di altre nazionalità. Si può scegliere se votare sui moduli o direttamente sul sito, adesso c’è ancora bisogno di tutti voi per continuare a salire la classifica, l’occasione oltre online cliccando sul link: FAI – Fondo Ambiente Italiano
Articolo precedenteLA MOLISANA MAGNOLIA, UFFICIALIZZATI I NUMERI SCELTI DALLE GIOCATRICI ROSSOBLÙ
Articolo successivoFarmacie rurali, bando da 100milioni per i servizi sanitari. Ecco come partecipare