I lettori, come sovente accade e di tanto vanno ringraziati svolgendo nello specifico un ruolo sociale assolutamente utile e prezioso per la salute di tutti, non le mandano a dire né hanno remore quando notano cose che non vanno, specie quando è in ballo la salvaguardia dell’incolumità fisica della collettività. Contattano infatti su due piedi gli organi d’informazione ed esternano le loro rimostranze. Ecco l’ultima in ordine di tempo appena pervenuta : “Nell’abitato venafrano -testimonia una signora- periodicamente si percepiscono olezzi e puzze insopportabili e stomachevoli, nient’affatto dipendenti a mio parere dal presunto inquinamento atmosferico di cui si parla, bensì da altri fattori che le autorità e i servizi preposti alla salubrità dell’aria che respiriamo dovrebbero accertare ufficialmente e definire una volta per tutte. Sono puzze terribili che portate dal vento entrano nelle narici, nelle case, nei negozi, negli esercizi commerciali e nei rioni, rendendo la vivibilità e l’aria assolutamente problematiche. Se la loro origine è dovuta a fattori e situazioni non ammissibili in un centro abitato, è doveroso intervenire per fermare il fenomeno una volta per tutte. Si creda, sono olezzi tanto penetranti, intensi e stomachevoli che è difficile respirare. I problemi maggiori li hanno gli anziani o le persone allettate, ma anche tutti gli altri non se la passano bene quando siffatte puzze invadono prepotentemente l’aria. Trattasi cioè di vero ed effettivo inquinamento atmosferico cittadino da fermare in via definitiva, rimuovendone le cause”. Ci saranno controlli nel merito? I venafrani in genere, e non solo la signora che ha segnalato la cosa e che si ingrazia per tanto, se lo augurano tantissimo !

Articolo precedenteLa simpatica e divertente carrellata fotografica de “La legge é legge”, film con Totò e Fernandel del  ‘57/’58 a Venafro che tanto coinvolse e tuttora in tanti ricordano volentieri
Articolo successivoVenafro “mata” il Boiano (4/2) con tripletta di Rega e gol di Lombardi, consolidando la quinta piazza