I militari del NOR della Compagnia di Isernia, al termine di specifiche indagini sono riusciti a recuperare un telefono cellulare marca Apple I-Phone7 sottratto ad una giovane 30enne all’interno di un noto bar della città pentra qualche settimana fa. Le indagini svolte hanno consentito di individuare chi detenesse l’apparecchio.

I militari hanno suggerito alla derubata di segnalare nell’app dedicata che il dispositivo era stato rubato/smarrito. A seguito di tale segnalazione lo schermo si era bloccato ed è stato visualizzato un messaggio personalizzato con il numero di telefono della proprietaria affinché chi lo avesse trovato avrebbe potuto avvisare il proprietario. L’apparecchio inoltre aveva attivato in automatico il blocco per ostacolare chi cercasse di utilizzarlo o vendere il dispositivo.

La modalità smarrito/rubato attivata aveva indicato chiaramente chi fosse il proprietario, non potendo il telefono essere riattivato senza la relativa password. L’uomo 40enne che ne era in possesso, pur avendo visto il messaggio anziché avvisare la proprietaria aveva cercato invece di fare ripristinare la funzionalità dell’apparecchio da un tecnico informatico del capoluogo, per poterlo utilizzare.

Successivamente il detentore, acquisite le generalità della proprietaria l’aveva contattata per poterla incontrare, verosimilmente per consegnarle il telefono. All’incontro con la donna erano presenti anche i Carabinieri in abiti simulati che all’arrivo dell’uomo nel luogo stabilito per l’incontro, si sono qualificati ed hanno acquisito il telefono che è stato restituito alla legittima proprietaria.

L’interessato che non forniva valide giustificazioni sul possesso dell’apparecchio veniva denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Isernia per il reato di ricettazione.