“L’anno che sta per concludersi è stato significativo per la ripresa dell’Italia che si attesta ad essere il secondo Paese manifatturiero in Europa, dopo la Germania.

Per questo – afferma il Presidente di Confindustria Molise Enrico Colavita – condivido le parole espresse dal nostro Premier uscente Paolo Gentiloni, vale a dire che “il nostro Paese si è rimesso in moto dopo la più grave crisi del dopoguerra, grazie agli sforzi fatti dalle famiglie e dalle imprese” e aggiungo che l’Italia oggi può contare su un alleato in più: il Mezzogiorno, di cui il nostro Molise fa parte.

Abbiamo il dovere di continuare a recuperare il terreno perduto.

Da imprenditore sempre in viaggio per cogliere opportunità nel mondo e da Presidente di Confindustria Molise, ribadisco che le nostre industrie sono ciò che ci permette di guardare oltre e che la centralità della questione industriale, anche nella legislatura che verrà, é la precondizione per rendere strutturale lo sviluppo.

Oggi il nostro Molise ha difronte a sé l’opportunità dell’area di crisi, delle zone economiche speciali, ma soprattutto ha due leve che in questi duri anni di crisi economica hanno mantenuto in piedi il Paese: l’export e l’internazionalizzazione.

Su questi due asset di sviluppo – a mio modo di vedere – si deve continuare a scommettere!

Da parte mia, nei prossimi mesi metterò in campo, come Presidente di Confindustria, delle iniziative per favorire aggregazioni di imprese interessate ad esportare e ad ampliare il proprio business all’estero, perché ritengo che questa sia la strada maestra da percorrere per uscire dall’isolamento ed essere imprenditori del mondo.

Auguro a tutti i molisani tutti di aumentare la percezione che hanno di sé e di credere di più nelle proprie capacità, sentendosi cittadini europei di nazionalità italiana e di origine molisana.

Per avere delle certezze nel futuro, occorre coraggio e capacità di visione, senza delegare ad altri la realizzazione dei propri sogni”.

Articolo precedenteRiflessione spirituale di don Emilio Cioffi: “Forza…”
Articolo successivoConsiglio Regionale, varate due nuove leggi. Vertenza Atm, nuovo rinvio in Commissione