di Redazione

Si celebra ogni anno il 3 marzo e, rappresenta un momento importante per evidenziare la rilevanza della fauna selvatica e degli ecosistemi naturali per l’equilibrio del nostro pianeta.  L’obiettivo di questa ricorrenza è promuovere la consapevolezza sull’urgenza di conservare e utilizzare in modo sostenibile le risorse naturali, ponendo in evidenza l’importanza di adottare misure per proteggere la ricca varietà di vita sulla Terra. In questo giorno in particolare, ma bisognerebbe farlo ogni giorno, l’obiettivo è quello di cercare di tutelare la biodiversità. Le nostre azioni, quelle quotidiane, influenzano la biodiversità e quindi bisogna impegnarsi per garantire un futuro sostenibile alle prossime generazioni. Ambiente Basso Molise festeggia questa giornata con una escursione in un luogo particolare i Calanchi di Montenero di Bisaccia. Il parco dei Calanchi di Montenero di Bisaccia è un territorio di grande valore ambientale e naturalistico in cui convivono le piante, gli animali, le rocce e gli uomini. Il parco dei Calanchi è come un piccolo “scrigno” pieno di tesori ed è importante custodirlo per chi verrà dopo di noi. Un paesaggio ricco di storia caratterizzato da un ambiente naturale incontaminato, particolare questo, per tornare a scoprire l’emozione di ascoltare il silenzio e i suoni della natura. Nei calanchi e nelle vicinanze, si possono osservare le grotte arenarie caratterizzate dal sedimentarsi di moltissime conchiglie e fossili, le quali indicano che il mare un tempo era lì! I fossili sono infatti gioielli preziosi perché senza di essi non sapremmo nulla del nostro passato. Parteciperanno alla giornata Nicola Petrella ed il gruppo Speleopop.  Vi è un numero massimo di partecipanti e per i non Soci è richiesto un contributo di €. 2,00. Per prenotarsi e partecipare al 3397517592 oppure inviare email a: ambientebm@gmail.com

Articolo precedenteCONSIGLIERE FACCIOLLA. MODIFICA DELLO STATUTO PER NOMINA DI UN SECONDO SOTTOSEGRETARIO, ULTERIORE DANNO PER I MOLISANI
Articolo successivoLA TIPICITA’ VENAFRANA : ” I FAVOR’ “, I FALO’ DI SAN GIUSEPPE