Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza verso le donne: Convegno alla Scuola Allievi Carabinieri di Campobasso.

In occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza verso le donne,
si è tenuto presso l’Aula Magna della Scuola Allievi Carabinieri di Campobasso “E. Frate”
un convegno con il quale l’Arma dei Carabinieri ha fornito il proprio contributo umano e
professionale verso questo fenomeno, al fine di diffondere con sempre maggiore fermezza la cultura della non violenza nei confronti delle donne, purtroppo ancora troppo spesso vittime indifese.

L’evento che ha attirato in particolar modo l’attenzione dei circa 500 Allievi Carabinieri
frequentatori del 141° corso formativo, tra cui circa 90 ragazze, ha visto la partecipazione
delle maggiori autorità civili e militari della Regione. Diversi gli interventi dei qualificati
relatori ad iniziare dal 1° Dirigente Dottoressa Valeria Moffa, che in veste di direttore della
Scuola Allievi della Polizia di Stato del capoluogo ha parlato in particolare della “donna
indivisa”.

Apprezzati anche i successivi interventi del Luogotenente C.S. Ernesto Centonza referente
della rete nazionale di monitoraggio sulla violenza di genere che ha esposto le procedure
operative previste in caso di attivazione del codice rosso e del Sostituto Procuratore della
Repubblica di Campobasso – Dott.ssa Viviana Di Palma che ha intrattenuto i presenti sugli
aspetti giuridici, sulle tecniche di indagine nonché sugli strumenti di tutela della persona
offesa.

Ruolo centrale del dibattito è stata la trattazione del risvolto psicologico delle violenze
subite dalle donne, affrontato dal Tenente, psicologa e psicoterapeuta, Antonella Petrella,
autrice tra l’altro anche di una toccante poesia intitolata “cara donna” recitata al termine dell’evento da un allievo carabiniere accompagnato da un sottofondo musicale. Il convegno
è stato moderato dal Direttore dell’Infermeria Presidiaria della Scuola Allievi
Carabinieri di Campobasso, Ten. Col. Tonino Tarantino.

Articolo precedenteCarenza di personale e criticità territoriale, se ne è discusso con i dipendenti di Poste Italiane del Molise
Articolo successivoVia Milano a Venafro, ovvero quando il verde è eccessivo ed invasivo