I Carabinieri della Compagnia di Isernia, nell’ambito di una incessante attività che mira al contrasto dell’uso e lo spaccio di droga, hanno individuato un giovane del posto che aveva realizzato all’interno della propria abitazione un laboratorio artigianale per la lavorazione della marijuana.

Un vero e proprio laboratorio chimico per la droga, alambicchi, macchinari per cuocere, miscelare e termosaldare lo stupefacente, è quello che si sono trovati davanti i militari dell’Arma giunti sul luogo insieme ai colleghi del Nucleo Carabinieri Cinofili di Chieti e del cane pastore belga NOX, addestrato per la ricerca di sostanze stupefacenti.

I militari hanno proceduto alla perquisizione dell’abitazione occupata dal giovane 28enne rinvenendo all’interno un considerevole quantitativo di marijuana essiccata consistente in circa 17 chilogrammi nonché attrezzature varie destinate alla lavorazione, essicazione e conservazione della specifica sostanza stupefacente.

L’uomo aveva riposto la sostanza stupefacente in buste di plastica, scatole di cartone e polistirolo distribuite nelle varie stanze dell’appartamento. Il valore complessivo sul mercato illecito del prodotto finito avrebbe fruttato un indebito guadagno di circa 70.000 euro. L’uomo è stato subito arrestat e sottoposto al regime degli arresti domiciliari.

Articolo precedenteCampobasso – Barbagallo (Uil): “Istituire una cabina di regia al Ministero per il Sud su sviluppo”
Articolo successivoGiovane donna isernina vittima di stalking e revenge porn: Misura cautelare nei confronti di un 46enne di Afragola