Radon, le scuole comunali di Termoli sono sicure. Nel corso di una conferenza stampa che si è tenuta venerdì 11 gennaio nel municipio della città adriatica, l’assessore all’Ambiente Filomena Florio e l’assessore all’Istruzione Maria Chimisso, hanno esposto alla Stampa i risultati di 5 anni di monitoraggi e indagini concludendo che tutte le scuole che sono state sottoposte alle misurazioni e ai rilevamenti sono state messe in sicurezza e, ad oggi, tutte presentano una soglia nettamente inferiore a quella considerata ‘pericolosa’ per l’esposizione al gas radon in linea con l’ultima direttiva europea.

L’assessore Florio ha spiegato che si è conclusa l’ultima rilevazione del gas radon nella scuola dell’infanzia e nido di Difesa Grande, condotta dall’ottobre 2017 all’ottobre 2018 da Arpa Molise e una società incaricata dal Comune è risultata positiva.

“Nelle scuole dell’infanzia comunali di via Catania, via Tremiti, via Stati Uniti, via Cina, via Montecarlo, Difesa Grande e nei nidi di via Montecarlo e di Difesa Grande dalle rilevazioni effettuate nel 2015 e 2016 tutti i dati rientravano nei parametri indicati dalla legge fatta eccezione per il nido di via Volturno dove è stata avviata un’azione di bonifica per una delle aule, mentre nella scuola di Difesa Grande il monitoraggio è stato ripetuto perché i dati dell’Arpa e quelli della ditta incaricata dal Comune non coincidevano. In particolare il dato Arpa presentava un valore di concentrazione del radon prossimo al limite fissato dalle norme.

L’ultima indagine invece riporta come risultati una soglia al di sotto dei 300 becquerel (normativa Europea) per entrambi gli enti che si sono occupati dei rilievi: la ditta incaricata dal Comune l’Arpa Molise, per cui possiamo tranquillamente dire che tutte le scuole comunali sono sicure dal punto di vista del radon e laddove erano state individuate delle criticità l’amministrazione comunale è prontamente intervenuta per risolvere il problema”.

I dati prodotti da entrambe le società di analisi sono stati incrociati, quindi l’ Arpa Molise ha preso visione dei dati della ditta incaricata dal Comune e viceversa. Infine i dati e le relazioni tecniche sono state inviate dal Comune agli organi competenti “Quindi – ha concluso l’assessore Florio – a questo punto le incombenze a carico del Comune si sono chiuse e abbiamo fatto più di quello che ci competeva; perché ricordiamo che il monitoraggio del gas radon non è di competenza del Comune ma del datore di lavoro, ma trattandosi di una parte di popolazione sensibile come quella dei bambini ci siamo assunti questa responsabilità e portato a termine l’attività di controllo e di bonifica.

In Via Tremiti dove nel 2013 era stato rilevato un dato superiore alla norma per una sola stanza, il Comune ha deciso di fare un intervento di bonifica su tutta la scuola; i rilievi successivi hanno sempre confermato che i parametri sono rientrati nella norma. Anche in via Volturno, dove comunque non era stato superata la soglia del gas radon, è stato fatto un intervento di aerazione per mettere in ulteriore sicurezza la popolazione scolastica”.

In chiusura della conferenza stampa l’Assessore all’Istruzione Maria Chimisso, nel ribadire l’impegno dell’Amministrazione per la bonifica da gas radon nelle scuole comunali ha invitato i genitori di tutti i bambini ad avere attenzione, così come su questi pericoli legati a possibilità recondite, anche a fare attenzione a pericoli che invece insidiano la quotidianità come ad esempio il rischio di incidenti nel caso i bambini non vengano ben allacciati ai seggiolini nelle auto.

“Vedo quotidianamente comportamenti errati da parte dei genitori con bambini seduti in braccio alle madri sul sedile anteriore delle auto e non agganciati neanche dalle cinture di sicurezza – ha detto l’assessore Chimisso – oltre a preoccuparci del radon pensiamo anche alla salute dei nostri figli allacciandoli ai seggiolini in auto”.