di Redazione

Il futuro è buio per le lavoratrici e i lavoratori operanti nella residenza geriatrica “Punta Paradiso” di Pietracupa gestita dalla AMPERE Impresa Sociale S.r.l..

“Da qualche settimana il gestore ha iniziato a trasferire gli ospiti in altre strutture, ad oggi ne sono presenti 17 rispetto ai 65 del mese scorso, senza comunicare nulla ai collaboratori e alle parti sociali. La Fisascat CISL Abruzzo Molise, ha inviato più volte richieste di incontro e di chiarimento, richieste rimaste sempre inevase, palesando solo un silenzio assordante della AMPERE irrispettosa delle maestranze e del ruolo sociale che quest’ultime hanno nel territorio – dice in una nota il Segretario Stefano Murazzo – Una struttura geriatrica ricoprire un ruolo fondamentale a Pietracupa che dovrebbe mirare al contrasto all’emarginazione e alle relazioni sociali degli ospiti senza dimenticare posti di lavoro altamente professionalizzati. Al contrario ci ritroviamo, per l’ennesima volta a fare i conti, nel nostro Molise, con possibili perdite occupazionali e danni sociali. Questa situazione non può e non deve essere sottaciuta, per questa ragione la Fisascat CISL Abruzzo Molise intende far richiesta di incontro in Prefettura per scongiurare perdite occupazionali nel rispetto di chi fino ad oggi, nonostante tutto, espleta con abnegazione il proprio lavoro atto al benessere degli ospiti della residenza Punta Paradiso.”

 

Articolo precedente17 MAGGIO, UN MESE ALLA RICORRENZA DEL PATRONO DI VENAFRO, SAN NICANDRO, E SI ENTRA NEL VIVO DELLA STORIA SOCIALE, UMANA E RELIGIOSA DELLA CITTA’
Articolo successivoVENAFRO. LE ESTERNAZIONI DEL CITTADINO