«Da tempo aspettavamo una risposta concreta alla frana della statale 645 Fondo Valle del Tappino in territorio di Pietracatella, arrivata oggi a Riccia, nell’incontro con il dr. Gianni Vittorio Armani, Presidente nazionale e Amministratore Delegato di Anas. Le tante richieste e proteste degli anni passati finalmente vedono un impegno concreto da parte dell’ente gestore delle nostre strade statali.

Oggi abbiamo una certezza: il progetto di variante è in corso e lo studio di fattibilità sarà pronto a fine anno. 25 milioni di euro sono già pronti nell’accordo di programma quadro nazionale, questo significa che il problema della frana sarà finalmente risolto.

Un nuovo tracciato a valle del movimento franoso, che si svilupperà lungo tre chilometri con due attraversamenti del fiume. I tempi sono quelli indicati dal Presidente Armani, due anni e mezzo per toccare con mano l’intervento. Ed era proprio questa la risposta che aspettava non solo Riccia, ma l’intera area, nella quale sono ricomprese anche le Regioni Puglia e Campania.

Ringraziamo Anas, il suo Presidente, la Regione Molise, le Provincie di Campobasso e Foggia, tutti gli amministratori, tutti compatti al di là delle differenti posizioni politiche, presenti oggi pomeriggio nella sala consiliare di Riccia».

Comunicato stampa diramato dall’Anas

Si è tenuto oggi – presso la Sala Consiliare del Comune di Riccia, in provincia di Campobasso – un incontro tra la sindaca, Micaela Fanelli ed i vertici di Enti ed Istituzioni tra i quali il Presidente della Regione Molise, Paolo di Laura Frattura, il Presidente di Anas, Gianni Vittorio Armani, l’assessore regionale alle infrastrutture, Pierpaolo Nagni, il consigliere regionale delegato alla Protezione Civile, Salvatore Ciocca e numerosi sindaci delle province di Campobasso e Foggia.

Tra i principali aspetti legati alla viabilità regionale, è stata in particolare analizzata la situazione della strada statale 645 “Fondo Valle del Tappino” – arteria di collegamento regionale ed interregionale con la Puglia – lungo la quale, nel territorio comunale di Pietracatella (CB), insiste un ampio corpo di frana, che ha provocato il dissesto dell’infrastruttura stradale tra i km 17,000 e 20,000.

“Sin dal manifestarsi del movimento franoso – ha dichiarato il Presidente di Anas, Gianni Vittorio Armani – l’Azienda, in sinergia con la Regione e con gli Enti Locali coinvolti, si è adoperata per garantire, in maniera provvisoria, il mantenimento della circolazione in corrispondenza del tratto della statale 645 coinvolto dall’evento. Infatti, trattandosi di un complesso fenomeno su vasta area, è stata condotta un’azione congiunta con le strutture tecniche regionali per assicurare, nel breve periodo e attraverso puntuali interventi di manutenzione, l’esercizio del tratto di statale 645 a doppio senso di circolazione. Per il medio periodo – ha spiegato Armani – Anas e Regione hanno attivato studi e prove finalizzate alla ricerca di una soluzione tecnica per evitare l’interruzione dell’arteria”.

Durante l’incontro di oggi, infatti, i Vertici degli Enti e delle Istituzioni coinvolte hanno definito un modus operandi per le successive fasi di progettazione e realizzazione, che, come detto, prevede la realizzazione di un nuovo tracciato in variante della S.S. 645 “Fondo valle del Tappino”, che consente il bypass del tratto in frana (tra il km 17,000 ed il km 20,000).

Attualmente, allo scopo di redigere il progetto di fattibilità tecnica ed economica – anche al fine di quantificare con maggiore precisione l’impegno di spesa che occorrerà per la realizzazione dei lavori – Anas ha già ultimato le attività di rilievo topografico e sta completando l’ulteriore campagna di sondaggi geognostici.

L’intervento è ritenuto prioritario anche dalla Regione Molise che l’ha inserito nel “Patto per lo Sviluppo della Regione Molise”, sottoscritto nel luglio 2016. All’incontro odierno hanno preso parte anche alcuni Sindaci del Fortore per approfondire tematiche riguardanti lavori previsti lungo la strada statale 212 “della Val Fortore”, nel beneventano.