Si è conclusa all’insegna di una combattutissima vittoria al tie-break la trasferta a Reggio Emilia della Fenice Isernia.

Così, i ragazzi del presidente Cicchetti tornano a casa con due punti importanti in una domenica pallavolistica che, in virtù della contemporanea sconfitta interna del Corigliano contro Genova, permette ai molisani di continuare a sperare nell’accesso ai play-off.

I bianco azzurri partono bene e dominano il primo set (3-8 e 14-16 il risultato nei time-out tecnici). Prova a rientrare in gioco Reggio e, a quel punto, le squadre si inseguono punto dopo punto sino al 24 pari. Ci pensa Di Franco a muro a chiudere il parziale (24-26).
I padroni di casa ritrovano la giusta concentrazione e la contesa si anima. Isernia ha un Mengozzi non al top, a causa di qualche fastidio muscolare, ma non molla:  8-7 il risultato al primo stop previsto dal regolamento, 16-15 al secondo. Gli emiliani allungano fino al 23-20. Qui salgono in cattedra Di Franco e Fiore che guidano la rimonta dei molisani fino al 23-24. Le squadre si inseguono ai vantaggi. È però Sesto a muro a consentire ai suoi di chiudere anche il secondo set (30-32).

Due a zero. Sembra fatta. Invece, Isernia subisce un calo e soffre la rimonta dei padroni di casa che si portano subito in vantaggio (4-0). Si fanno sotto i bianco azzurri, ma i padroni di casa riescono a difendere il vantaggio (8-6 e 16-14 nei time-out tecnici). Poi i molisani mollano e Reggio chiude il parziale a 18.
Emiliani in vantaggio anche nella quarta frazione di gioco fino al 24-21. Ingrana, poi, la quinta Isernia e, grazie a capitan Fiore, recupera lo svantaggio, portandosi in parità. Ippolito vanifica tutto: è Reggio Emilia ad aggiudicarsi il parziale 26-24. Si va così al tie-break.
Nell’ultima frazione di gioco si lotta punto a punto. L’errore al servizio di Barbareschi ed il muro di Saitta su Bakumovski chiudono la contesa in favore dei bianco azzurri. Al PalaBigi a passare è la Cicchetti Isernia.
L’inseguimento alla griglia play-off prosegue. Domenica al PalaFraraccio i biancazzurri ospiteranno il Club Italia, diretta inseguitrice nella lotta per la salvezza.

Roberto Fant – Tecnico Cicchetti Isernia
“È una vittoria importantissima per noi. La squadra è partita benissimo, vincendo i primi due parziali. Poi, c’è stato un calo, sia fisico sia psicologico. Per un attimo si è palesato il fantasma della solita prestazione. Ma la squadra ha reagito e ha fatto uno sforzo incredibile per venir fuori da questa situazione. Hanno lottato e son stati bravi a rimanere concentrati.
Tutti hanno dato  il loro apporto alla vittoria: Çayir è subentrato a Cardona, Poikela ha preso il posto di Mengozzi, quando quest’ultimo era in difficoltà. Rappresentano tutti ottimi segnali.  Posso dire di esser soddisfatto per il risultato, ma abbiamo ancora molto da lavorare. La prestazione odierna ha mostrato alcune difficoltà, su cui ci soffermeremo già dalla ripresa degli allenamenti”.

Nico Fraraccio – Direttore Generale Cicchetti Isernia

“La vittoria riveste un’importanza determinante per il prosieguo del torneo. È un segnale forte del gruppo che vuole lottare, a prescindere dalle difficoltà che abbiamo e stiamo vivendo ed è anche la voglia di dimostrare che, oltre che buoni atleti, sono uomini veri.
Faccio un’ultima considerazione, rivolta ai tifosi autentici della Fenice. State vicini, come sempre avete fatto, alla squadra ed alla società ed insieme ne verremo fuori alla grande”.

Il tabellino

EDILESSE CONAD REGGIO EMILIA 2  –  3 CICCHETTI ISERNIA  (24-26, 30-32, 25-18, 13-15)

EDILESSE CONAD REGGIO EMILIA: Luppi 10, Bakumovski 22, Bigarelli ne, Barbareschi 6, Orduna 2, Paoletti 21, Tondo 7, Casadei, Dall’Olio, Goi, Inserra 6, Ippolito 14, Peli (L). All. Conte. Bv 3 – Bs 9 – ric. pos. 64% (prf.34 %) – 48% att. – Muri 15

CICCHETTI ISERNIA: Fiore 21, Poikela 1, Sesto 8, Torre ne, Cardona 16, De Caria (2° L) ne, Spampinato (L), Di Franco 12, Cayir 3, Simone ne, Mengozzi 21, Della Corte ne, Saitta 12. All. Fant.
Bv 5 – Bs 15 – ric. pos. 64% (prf.35 %) – 52% att. – Muri 15

ARBITRI: Massimo Florian, Fabio Bassan.
NOTE – durata set: 30′, 40′, 27′, 30′, 20’; tot: 2h.27′. 

Articolo precedenteCaro Mario Monti
Articolo successivoIl ritorno dell'ASD Macchia dopo 20 anni