“L’inquinamento fuori controllo della Piana di Venafro non è più sostenibile. Bisogna intervenire e bisogna farlo adesso, non si può più attendere oltre. Fare Ambiente è pronta a sedersi a qualsiasi tavolo con qualsiasi interlocutore serio che abbia a cuore la tutela dei cittadini di questo territorio. Il tempo è scaduto”

Così Paola Moscardino, Presidente di Fare Ambiente Molise, a proposito dell’emergenza inquinamento della Piana di Venafro.

“I dati sono sotto gli occhi di tutti: i valori di PM10 e PM2.5 registrati dalle centraline poste in vari luoghi di Venafro risultano essere tra i più alti d’Italia, con soglie che arrivano a sforare di oltre quattro volte i parametri massimi raccomandati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.  Cosa stiamo aspettando per intervenire? Bene lo studio epidemiologico del CNR di Pisa; bene gli appelli e tutto il resto ma resta il fatto che si è reso urgente e necessario un intervento delle istituzioni per porre fine a una situazione che rischia di diventare davvero drammatica. Non dimentichiamo infatti che in questo territorio c’è la presenza simultanea del vicino inceneritore di San Vittore, della centrale turbogas di Presenzano e di un insediamento che smaltisce i rifiuti non solo del Molise ma anche del Lazio e della Campania. Senza dimenticare il progetto di costruzione di una centrale a biometano a Pozzilli sul cui impatto negativo già si sono espressi in molti. Faccio un appello al sindaco Ricci e al Presidente Toma affinché aprano subito un tavolo di confronto con tutte le associazioni del settore per cercare di predisporre al più presto un piano di tutela ambientale dell’intera area

Articolo precedenteBonefro, domani grande appuntamento con i “Mercatini della Creatività”
Articolo successivoGrande ‘Ndocciata: il Ministro Sangiuliano conferma la sua presenza