Il sindaco di Bojano, Carmine Ruscetta, rivolge un accorato appello ai cittadini affichè tutti insieme si possa contrastare la diffusione del Covid.

Cari Cittadini,

la situazione di diffusione del Covid-19 nella nostra Città, purtroppo, diviene ogni giorno più preoccupante. Per questo motivo, ogni nostra limitazione e ogni nostro sacrificio deve essere orientato a raggiungere il principale obiettivo di fermare l’incremento dei contagi e limitare le conseguenti ripercussioni sul piano sanitario e socio-assistenziale.

Mi appello al senso di responsabilità dei cittadini e alla consapevolezza che siamo tutti insieme chiamati ad un’azione determinante per la nostra salute.

E’ fatto divieto assoluto di circolazione a:

-chi è sottoposto alla misura dell’isolamento domiciliare, essendo risultato positivo al virus;

-chi è in isolamento fiduciario perché è stato a contatto con persone contagiate.

In tale ultimo caso, è consentito uscire esclusivamente al fine di effettuare gli accertamenti diagnostici prescritti dal medico, evitando contatti con altre persone e osservando scrupolosamente tutte le misure precauzionali, con obbligo di indossare la mascherina. Attualmente a Bojano, si segnala la presenza di circa 90 casi di contagio da Covid-19.

L’Amministrazione Comunale ha attivato i servizi:

•RE.COR.D. (rete emergenza Coronavirus a domicilio) in favore dei cittadini anziani e/o posti in quarantena volontaria o obbligatoria, per garantire l’erogazione dei servizi di consegna a domicilio di spesa e medicinali;

•TELEASSISTENZA per anziani.

E’ possibile difenderci dall’emergenza sanitaria rispettando semplici regole che di seguito si riportano:

•uscire di casa il meno possibile e solo se strettamente necessario;
•non portare i bambini al parco e non intrattenersi senza motivo nelle piazze e davanti ai Bar;
•evitare luoghi affollati e non creare assembramenti;
•indossare sempre la mascherina;
•rispettare il distanziamento (di 1 metro);
•lavare spesso le mani.

Un appello particolare lo rivolgo ai giovani perché rispettino le regole e, soprattutto, evitino di creare assembramenti nei luoghi di ritrovo più comuni (parchi giochi, spazio antistante la Cattedrale, belvedere di Civita).

Comunico, inoltre, che la situazione Covid 19 è quotidianamente monitorata dalla ASREM con cui ho continui contatti. Questo è per tutti noi un momento delicato da vivere con grande senso di responsabilità verso noi stessi, ma soprattutto verso le persone più deboli.

Vincere il nemico invisibile è una sfida possibile, ma solo con l’aiuto di tutti!