Il Coordinatore regionale di Azione in Molise, Luigi Valente, bacchetta Toma e Giustini rei di contendersi le posizioni di potere ai vertici della sanità pubblica molisana.

“Non sono un ingenuo e non ignoro la lotta di potere che si sta facendo tra i vertici della sanità pubblica molisana; d’altronde pare essere l’occupazione preferita della classe dirigente e politica attuale, ma combattersi oggi con i cittadini chiusi in casa confusi e intimoriti e le persone che muoiono negli ospedali è da irresponsabili.

Il Presidente Toma ed il Commissario della sanità Giustini potranno contendersi le posizioni di potere quando tutto questo sarà finito, oggi pensino ai molisani. Sinceramente, non ho mai visto costruire qualcosa di positivo con i litigi; Toma e Giustini pensino ai molisani e non alle risse individuali. Siamo in una situazione di guerra ed in una situazione di emergenza come questa, occorrono alleanze e dialogo aperto anche tra avversari.

Al di là delle posizioni politiche, ma soprattutto oltre gli interessi di parte, dobbiamo unirci per sconfiggere la pandemia e per cominciare a pensare alla ricostruzione lavorando seriamente e velocemente. Quello che sento di fare è un appello accorato, che funge da eco al comune sentire di tanti amministratori locali e cittadini molisani.

Toma e Giustini inizino a pensare alla nostra sanità nonchè a come organizzare al meglio la campagna di vaccinazione contro il COVID e abbandonino, almeno per il momento, i loro interessi di parte e le beghe personali.

E’ necessario, ormai urgente, promuovere un’attività politica costruttiva nell’interesse della nostra regione, attraverso un serio confronto politico e concrete azioni di coordinamento, per portare anche nella nostra regione la cultura del buon governo e della buona a amministrazione della res pubblica, da contrapporre alla politica delle poltrone e degli interessi meramente elettorali”.

Articolo precedenteToma: “Rispetto ai rilievi dei Nas sulle strutture ospedaliere saranno posti in essere gli opportuni approfondimenti”
Articolo successivoBoccardo (Uil): “Il Molise sta vivendo uno dei momenti più bui della sua esistenza. Regione assente!”