Riceviamo e pubblichiamo

E’ di queste ore l’iniziativa della sezione del Molise di FEDAIISF – Federazione delle Associazioni degli Informatori Scientifici. Gli informatori scientifici molisani, impiegati quotidianamente in prima linea negli ambulatori medici e nei presidi ospedalieri del territorio, sono esposti in prima persona al rischio contagio.

Rischio molto concreto in alcuni casi. Il lavoro di questi operatori risulta molto importante soprattutto in questo periodo di Pandemia, per portare a conoscenza le novità farmaceutiche a tutti i medici di base e non.

Con una precisa lettera inviata a tutti i medici del territorio e soprattutto alle istituzioni regionali, in primis la Regione Molise, viene richiesta la possibilità di inserire, in maniera veloce, la categoria degli informatori scientifici in quelle a rischio e da vaccinare il prima possibile.

Leggi la lettera della sezione del Molise di FEDAIISF:

Gentilissima Dottoressa, Egregio Dottore,

Con la presente desideriamo informarla della riapertura della Sezione del Molise di AIISF (Associazione Italiana Informatori Scientifici del Farmaco e Parafarmaco).

AIISF Molise è parte integrante di un progetto a carattere nazionale sotto l’insegna di FEDAIISF (Federazione delle Associazioni degli Informatori Scientifici) www.fedaiisf.com che oggi è punto di riferimento per l’attività degli Informatori Scientifici di tutta Italia con l’intento di valorizzare il nostro profilo professionale, etico e di rispetto della normativa di settore. (D. Lgs 219/06, Decreti Regionali, Norme AIFA).

Attraverso AIISF Molise desideriamo anche e soprattutto esserle vicini e supportarla nelle scelte che deciderà di adottare relativamente le modalità di ricevimento di noi ISF (ivi comprese le procedure da remoto: telefonate e webcall, che stante la situazione attuale, si stanno ultimamente imponendo).

Relativamente a quest’ultimo punto il nostro orientamento è quello, unitamente all’adozione delle migliori procedure si sicurezza e prevenzione, di favorire gli incontri “in presenza” che con il loro valore umano, professionale e fiduciario hanno sempre rappresentato la nostra modalità di lavoro con la classe medica.

Riteniamo che le “telefonate e Webcall” debbano avere un valore residuale sempre e soltanto dopo aver esperito le migliori pratiche “privacy” a tutela e garanzia degli informatori e dei medici rispettando sempre e comunque le sue scelte e le sue preferenze.

Rinnovandole la disponibilità dell’associazione tutta, porgiamo distinti saluti.

Il Direttivo

Alleghiamo alcune brevi note su AIISF:

AIISF, come da codice etico e statuto, promuove e si adopera a tutti i livelli per la diffusione di una informazione scientifica di qualità volta a “… favorire l’uso razionale del medicinale …” (art. 114 D.Lgs 219/06) in termini di appropriatezza prescrittiva, efficacia e compliance nell’uso dello stesso con l’unico scopo di fornire al medico curante le migliori informazioni per la salute ed il benessere dei pazienti.

In questa maniera AIISF intende rappresentare e dare miglior e concreto seguito alla normativa vigente che, già dalla Legge 28/12/1978 “Costitutiva del S.S.N.” e anche successivamente con il D.M. 23/06/1981 “Disciplina dell’attività di informazione scientifica sui farmaci”, ha sempre identificato nell’Informatore Scientifico del Farmaco una figura di utilità sociale e altamente qualificata, a garanzia di un servizio di informazione ai medici, rimesso al pubblico controllo, e non condizionato da interessi commerciali meramente privati.

La storia di AIISF, presente sul territorio italiano da oltre 50 anni, ha infatti dimostrato nel tempo di accompagnarsi sempre con proficue relazioni sia con gli operatori del settore (Medici, Farmacisti ed Infermieri) che con le Autorità Sanitarie.