Classifica governatori-Fonte Sole24Ore

Effetto Covid sulla politica italiana. Questa mattina il Sole 24 Ore ha pubblicato i risultati del Governance Poll 2020, l’indagine con cui ogni anno Noto Sondaggi misura il consenso dei politici locali.

L’indagine statistica è stata realizzata dal 5 al 30 giugno, quando l’epidemia accennava a diminuire. Per le Regioni, l’indicazione più evidente è l’en plein del centro-destra con i quattro governatori più popolari d’Italia. Al primo posto il governatore del Veneto Luca Zaia. Subito dopo Zaia, infatti, si piazzano Massimiliano Fedriga (Friuli V.G., Lega, 59,8%), Donatella Tesei (Umbria, Lega, 57,5%) e Jole Santelli (Calabria, Forza Italia, 57,5%). Al quinto posto, con consensi in crescita rispetto al giorno delle elezioni (dal 51,4 al 54%), si classifica il primo governatore del centro-sinistra, quello dell’Emilia Romagna Stefano Bonaccini.

Giovanni Toti, in Liguria, sale dal 34,4 al 48%, Michele Emiliano, in Puglia, in calo dal 47,1 al 40% e Attilio Fontana, in Lombardia, da 49,7 passa a 45,3%. Il governatore del Molise, Donato Toma resta in fondo alla classifica, pur migliorando di poco la sua percentuale di gradimento, infatti, Toma passa dal 43,5% al 44%.  

All’ultimo posto c’è il governatore del Lazio e segretario nazionale del Pd, Nicola Zingaretti.

Dal Governance Poll 2020 emerge, poi, la debacle del sindaco Chiara Appendino di Torino che si colloca al 97° posto, con oltre 10 punti in meno di gradimento. Peggio ancora la collega Virginia Raggi, che ottiene il penultimo posto (104°), con un calo di 29 punti rispetto al 67,2% del giorno di elezione. Anche per il grillino Roberto Gravina, sindaco di Campobasso, non è un buon mento, il suo indice di gradimento è crollato passando dal 69,1 al 53,4 %. Giacomo d’Apollonio, sindaco di Isernia, non se la passa meglio piazzandosi in classifica al 61 posto con il 52,9 (era al 59 %).

Articolo precedenteSuperecobonus al 110% sulle seconde case, Sciulli (Anci Molise): Recepite tutte le nostre richieste
Articolo successivoFratelli d’Italia si dissocia in maniera netta dalle scelte politiche del governo Toma e della sua maggioranza