di Massimiliano Scarabeo

Oltre 7.000 aziende che finiscono nel 2023, quanto meno da quest’anno nessuno ci investirà sopra.

Due numeri (approssimati per difetto):

  • 400.000,00 euro il volume d’affari medio per azienda;
  • Poco meno di 3 mld complessivi dei quali due terzi vanno all’indotto ed al personale;
  • Tra due stagioni tutto questo sarà stravolto (e lasciamo da parte le fantastiche ipotesi sulle migliorie che genera la concorrenza).

L’anno prossimo l’ombrellone ce lo portiamo da casa che quello in spiaggia sarà verosimilmente bucato.

Leggi fatte in una stanza senza finestre dove un piccolo uomo saccente gioca con persone e famiglie.

Vediamo se l’intelligenza artificiale ci dà una mano oggi, tra sette anni è un po’ tardi per questa situazione.

P.S.:
Solo per segnalare l’arbitrio di certe “svolte europee”, in Italia ci sono 50.000 tabaccai che godono di una concessione di monopolio (ed in monopolio), sono trent’anni che si parla di liberalizzazione della vendita dei tabacchi ma (a torto o ragione) non se ne fa mai nulla.

Articolo precedenteSporting Venafro: altro ‘botto’ sul mercato con l’arrivo del brasiliano Zancanaro
Articolo successivoSalta la candidatura del pentastellato Antonio Federico