La microcriminalità si evolve e si organizza, il borgo antico del capoluogo ostaggio di gruppi perlopiù stranieri che si “spartiscono la piazza”. Quindi le aggressioni e la violenza se qualcuno “invade quelle zone”. La paura dei cittadini: “Prima o poi succederà qualcosa di più grave”

“Se non si interviene in qualche modo, qui ci scappa il fattaccio più grosso”, commenta un cittadino del centro storico di Campobasso, come gli altri preoccupato dalla recrudescenza di violenza e aggressioni che nell’ultimo periodo hanno riguardato la zona dove vive. Come a dire, i gruppetti che vedete negli angoli di alcune strade, o davanti ad alcuni portoni, o quelli fermi ad aspettare la telefonata di qualcuno, fanno “le stesse cose tutti i giorni, quasi rispettassero un copione. Poi si allontanano per pochi minuti e poco dopo sono di nuovo lì”. Fino a quando “li senti urlare improvvisamente tra di loro, ti accorgi che c’è qualche faccia nuova che non hai mai visto prima e si picchiano, scappano, gridano nella loro lingua”.

Un modus operandi tipico di chi si divide le piazze di spaccio. E le aree indicate da chi nel centro storico assiste tutti i giorni a spostamenti strani e comportamenti anomali sono via Ziccardi, via Ferrari, via Palombo, nei dintorni di piazza dell’Olmo, via Roma.

Camminando (di sera) in queste zone si osservano quelle che hanno tutto l’aspetto di piazze di spaccio sparpagliate. E non è difficile individuare quelli che probabilmente sono “piccoli” spacciatori di strada che pare smercino perlopiù hascisc e marijuana.

Le evoluzioni della microcriminalità sono sommerse; prima che esplodano come emergenze sociali, passa spesso del tempo; all’inizio, si leggono i segnali minori, quelli che arrivano direttamente dalla strada.  Ma nell’ultimo anno, dai vicoli e dalla strade del centro storico, sono venuti a galla una serie di segnali che, allineati, diventano un quadro: gruppetti della malavita straniera stanno provando a monopolizzare le piazze di spaccio fra le mura murattiane. Spacciatori e consumatori (spesso anche giovanissimi) popolano strade precise. Con una certezza: se si moltiplicano gli spacciatori in strada, è perché il mercato è sempre più pronto ad acquistare.

redazione

Articolo precedente80 anni fa l’arrivo dei piloti alleati a Campomarino La cittadina molisana celebrata dai giornali inglesi e nella conferenza internazionale di Roma.
Articolo successivoCampobasso e Termoli 1-1, una festa per due. In 7.500 allo stadio “Molinari”