OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Con il concerto gratuito dei No Funny Stuff e un menù tipico, il Bosco di Sant’Onofrio di Chiauci (IS) si colora di musica, buon cibo e tanto divertimento per adulti e bambini

Dal Parco Avventura Cerris Park del Bosco Sant’Onofrio di Chiauci perviene il seguente comunicato : “Domenica 2 ottobre, nell’abbraccio degli alberi del Bosco di Sant’Onofrio a Chiauci (IS), si svolgerà la prima edizione della Festa d’Autunno al Cerris Park. Nello splendido scenario del foliage che sta iniziando a colorare di rosso, giallo e arancio il paesaggio in cui è immerso il Parco Avventura, si festeggia l’arrivo dell’autunno con tanto divertimento, musica e buon cibo. Il Cerris Park aprirà alle 10.00, alle ore 13.00 si potrà degustare un tipico pranzo molisano, per poi continuare con la Festa d’Autunno nel pomeriggio con il concerto della talentuosa band dei No Funny Stuff. Un modo per conoscere il Parco Avventura Cerris Park e provare le sue attrazioni sospese tra maestosi alberi di cerro cimentandosi nei percorsi avventura di varie altezze e difficoltà (6 per bambini e ragazzi e 5 per adulti) per mettere alla prova abilità, concentrazione ed equilibrio. Poi apprezzare la cucina locale con un gustosissimo pranzo a base di pasta a fagioli e cialesca chiaucese (pizza di pane ripiena di scamorza arrosto, prosciutto crudo, olio e rosmarino). Infine divertirsi con il concerto dei No Funny Stuff, jug band carismatica e coinvolgente, che reinterpreta con un tocco moderno le sonorità e gli stili degli anni ’20 e riporta indietro nel tempo i successi pop e rock di oggi riarrangiandoli in chiave retrò e con strumenti autocostruiti. I No Funny Stuff portano in scena una miscela esplosiva di country blues, ragtime, early swing, bluegrass e skiffle. Il gruppo è per metà costituito da musicisti molisani: Giuseppe Cassa è di Guglionesi, Giuseppe Petti è di Sant’Elia a Pianisi. Con loro c’è l’americano Michael Botula e il romano Fabio Gabbianelli. Si sono incontrati a Roma nel 2014, un giorno in cui Giuseppe Cassa è rimasto chiuso in ascensore con Mike e di lì la scoperta della comune passione per la musica. A produrre gli strumenti è proprio Giuseppe che ogni anno ne realizza sempre di diversi, sempre più originali: ed è così che una lattina diventa l’ukulattina, l’innaffiatofono un sax, un segnale stradale una chitarra, la “contrabbassa” è un manichino femminile, un vecchio telefono da parete è un mandolino e tantissimi altri che i partecipanti scopriranno nel giorno del concerto!

Il menu del pranzo nel punto ristoro del Cerris Park è su prenotazione al numero 328 027 0890, al costo 8 euro a persona. Il concerto dei No Funny Stuff e l’ingresso sono gratuiti”.

 

 

Articolo precedenteAGNONE. LA ‘NDOCCIATA DELL’8 DICEMBRE SI SPOSTA AL SECONDO SABATO DEL MESE
Articolo successivoAlla riscoperta delle bellissime chiese del centro storico di Venafro