“La vicenda che coinvolge la Fondazione Giovanni Paolo II e la Regione Molise è scabrosa, va fatta assoluta chiarezza e verificata ogni eventuale responsabilità”. E’ questa la prima dichiarazione di Michele Durante, esponente del movimento civico Lab e presidente del consiglio comunale di Campobasso in relazione al caso del direttore sanitario appena sostituito all’interno della Fondazione.

“Ciò che sta accadendo merita tutta l’attenzione possibile: il direttore sanitario della struttura è stato indagato per truffa, a causa della contestata mancanza dei titoli specifici per ricoprire tale rilevantissimo ruolo, ed ora sostituito con altra figura, mentre nessuna precisazione è arrivata dagli organi competenti della Regione Molise né dalla Fondazione, e anche questo mi preoccupa molto. Se le contestazioni della Procura della Repubblica dovessero produrre gli effetti conseguenti – prosegue Durante – nessuno di noi potrà non considerare la gravità della vicenda: la Regione Molise ha affidato in modo illegittimo il Servizio Sanitario alla Fondazione Giovanni Paolo II, che non ha garantito i cittadini nella loro domanda di salute.”

Durante poi precisa un altro aspetto della vicenda: “Verificare oggi una situazione di tale gravità, all’interno di una struttura affidataria del Servizio Sanitario Regionale, con profili di competenza elevatissimi, provocherebbe un enorme danno, anche a livello di credibilità per la struttura stessa e per quanti operano all’interno della ex Cattolica, nei confronti dei quali nutro la più ampia stima e considerazione, dai medici al personale paramedico, fino agli addetti alle pulizie.

Non voglio che questa alta considerazione debba trasformarsi, in futuro, in senso di solidarietà. In passato tutti abbiamo apprezzato e legittimato l’operato della Cattolica in termini di offerta sanitaria di livello elevato, e ne abbiamo difeso la stessa sopravvivenza. A maggior ragione, oggi, nessun aspetto di questa storia può essere ignorato o sottaciuto. A questo punto – conclude Durante – tutti gli organi coinvolti collaborino all’immediato chiarimento di tutti gli aspetti di questo imbarazzante caso.”

Articolo precedenteVertenze trasporti, Petraroia: Spiragli positivi per i lavoratori SEAC e dell’A.T.M.
Articolo successivoMacroregione, il Molise con Lazio e Abruzzo? Depositata in Cassazione proposta di legge popolare