di Tonino Atella

Il Molise e specificatamente Venafro per creare nella nostra regione la storica e tradizionale arte presepiale partenopea. Di tanto è protagonista da qualche anno Luigi Lametta, un giovane capofamiglia di San Gregorio Armeno, quartiere tipico di “SpaccaNapoli”, il centro storico napoletano, che per se e famiglia ha scelto Venafro -vi ha trasferito anche moglie e figli minori- per vivere in Molise e realizzare a Venafro l’arte tramandatagli dal padre, personaggio storico di San Gregorio Armeno, rione dove da sempre si lavora e si vive di arte presepiale. Ed il giovane Luigi, assai socievole e sorridente, tipico del carattere napoletano, si è calato alla perfezione nella nuova realtà venafrana, vivendovi e lavorandovi benissimo e in piena tranquillità accolto dalla proverbiale accoglienza locale. Il suo laboratorio artigianale, nemmeno tanto spazioso, tipico delle tradizionali botteghe di un tempo, è al centro di Venafro ed ha le caratteristiche della bottega di una volta. Un ridotto banco di lavoro, tanti attrezzi, restauri di vario tipo nel settore del legno e lavorazioni diverse in corso. Ma soprattutto sono i presepi di tutte le fogge e le forme il fiore all’occhiello della bottega di Luigi, originario di San Gregorio Armeno ma che ha scelto Venafro per dare un futuro diverso a se stesso, alla moglie e ai figli. E l’operazione, stando ai risultati, è pienamente riuscita. Il nostro lavora alla grande e i suoi artistici presepi sono un’autentica goduria per gli occhi e quindi per lo spirito. In tanti li apprezzano, li ammirano transitando dinanzi al laboratorio del napoletano, si complimentano con l’autore e lui, il simpatico Luigi, è pronto a ringraziare dei consensi e degli eventuali acquisti.

“E’ un piacere vivere a Venafro -afferma con un largo sorriso Luigi, l’artista presepiale partenopeo- dove ho incontrato brava gente che mi ha accolto alla grande. La mia famiglia vive bene, i miei figli studiano nelle scuole cittadine, mia moglie è soddisfatta della nuova residenza e personalmente non potevo chiedere di meglio per il mio lavoro artigianale. Realizzo lavori di ogni genere nel settore del legno e nel periodo mi dedico prevalentemente ai presepi, l’arte tramandatami da mio padre. Se fa piacere venire a vederli, la mia bottega è sempre aperta. E’ un piacere mostrarli, illustrarli, spiegarne i dettagli e ricevere i complimenti per le mie realizzazioni presepiali. Venafro ed il Molise sono diventate la nuova patria per me e la mia famiglia, e tutti a casa siamo soddisfattissimi di tanto !”. Dopodiché si gira, osserva un nuovo presepe che sta nascendo dalle sue mani, dà un ultimo ritocco e, sorridente al solito, “Piace ?” fa, ringraziando dell’ennesimo complimento che gli arriva. Vi piacciono i presepi tipici napoletani, ricchi di arte, suggestione e significati ? Luigi, il neo venafrano di San Gregorio Armeno, vi aspetta per parlarvene!

Articolo precedenteCln Cus Molise, l’under 19 infila la terza vittoria di fila ed è a punteggio pieno. Battuti i Leoni Acerra
Articolo successivoSan Pietro Avellana celebra il tartufo bianco