di Redazione

IL PRESIDENTE REGIONALE DI TERRANOSTRA FELICE AMICONE, L’AGRITURISMO ESALTA IL BINOMIO CIBO E TERRITORIO

“L’agroalimentare e il territorio sono il binomio vincente della sfida dei cuochi contadini protagonisti dell’evento tenutosi il 16 e 17 gennaio a Santa Lucia di Piave, in provincia di Treviso. Al meeting, organizzato da Coldiretti in collaborazione con Terranostra, l’associazione che raccoglie le aziende agrituristiche aderenti a Campagna Amica, e la Fondazione Campagna Amica, ha preso parte anche Felice Amicone, agrichef e Presidente regionale di Terranostra.  Con oltre 26mila aziende agrituristiche attive a livello nazionale, l’agriturismo è sempre più motore dell’economia enogastronomica e turistica del nostro Paese. Infatti, dal 2004 il loro numero è cresciuto in media, su base nazionale, del 2,2% l’anno. Secondo dati Istat (riferiti al 2021), le aziende agrituristiche attive in Molise sono 116 (lo 0,6% delle aziende agricole regionali); di queste 92 offrono servizio di ristorazione (47 anche degustazione) e 85 anche quello di alloggio. In 76, infine, è possibile usufruire anche di altre attività come: equitazione, escursionismo, osservazioni naturalistiche, trekking, mountain bike, fattorie didattiche ecc…  In questo contesto, si inserisce la figura dell’agrichef, creata e valorizzata da Coldiretti e Campagna Amica, tanto che oggi “i cuochi contadini – ha affermato Felice Amicone a margine della due giorni – sono diventati i protagonisti e gli animatori della cucina tradizionale rurale; una sorta di ambasciatori della Dieta Mediterranea e del Made in Italy, richiesti ai Villaggi di Coldiretti, alle rassegne di cucina fino alle trasmissioni televisive nazionali di punta”. Quella dell’agrichef è insomma diventata una figura ricercata dai media e dai gourmet che con la formazione si è qualificata aggiungendo ulteriori perfomance ad una professione che unisce la capacità di coltivare e allevare alle competenze in cucina, abbinando doti di narrazione e comunicative. “Parliamo – ha aggiunto Amicone – di un mestiere ambito anche dalle nuove generazioni che intraprendono progetti di fattoria didattica e sociale, sviluppando le modalità emergenti del turismo, come quella esperienziale, creativa, integrata e slow”. Nel corso della due giorni è stata inoltre presentata la prima piattaforma commerciale del km zero con gli scambi tra produttori e operatori del turismo rurale e il B2B promosso dagli agricoltori che, da veri custodi, hanno conservato in secoli di storia prodotti strappati all’estinzione, preservando razze e specialità che Coldiretti ha raccolto in un album creando così la ricchezza dei “sigilli di Campagna Amica”. “La ricerca del buon cibo – ha concluso Amicone – aiuta a salvare un tesoro di oltre 5.500 prodotti alimentari tradizionali, un vanto italiano che non rappresenta solo un valore economico ma anche storico, culturale ed ambientale”.

Articolo precedenteSan Francesco de Sales, Patrono dei giornalisti, si onora ad Agnone
Articolo successivoREGIONE, CONSUNTIVO 2022 IN RITARDO. INTERVIENE LA CORTE DEI CONTI