C’è tempo fino al 3 febbraio per partecipare alla prima edizione di A/R Andata e Racconto. Appunti di viaggio

Sono numerosi i racconti inediti già arrivati da ogni parte d’Italia per la prima edizione del concorso letterario A/R Andata e Racconto. Appunti di viaggio. Per partecipare al contest, aperto a scrittrici e scrittori maggiorenni, c’è tempo fino alle 12 del 3 febbraio 2023, inviando il proprio racconto a concorsi@salonelibro.it.

Lanciato dal Salone Internazionale del Libro di Torino e Ferrovie dello Stato Italiane lo scorso dicembre, il bando dedicato ai racconti inediti di viaggi sostenibili ha già smosso la voglia di scrivere di oltre 150 scrittori-globe trotter che, assorti di fronte al finestrino di un treno in corsa o in cammino tra le vie di una città sconosciuta, hanno composto e inviato la loro opera breve.

Si può concorrere con una sola opera inedita scritta in lingua italiana che non sia stata mai pubblicata da una casa editrice e distribuita in libreria. Ad aprile 2023 una Commissione Tecnica selezionerà 25 racconti finalisti, tra i quali la giuria composta dai noti autori e autrici Enrico BrizziFabio GenovesiAntonella LattanziAndrea MarcolongoMatteo NucciAntonio PascaleLorenza PieriVeronica Raimo e da Marco Mancini, Direttore responsabile delle Edizioni La Freccia, decreterà i tre finalisti.

Tutte le informazioni sull’iniziativa si trovano su www.salonelibro.it e www.fsnews.it, in attesa di visitare il Salone Internazionale del Libro di Torino, in programma da giovedì 18 a lunedì 22 maggio, per scoprire i 3 vincitori.

Le tre opere vincitrici verranno pubblicate a fine anno in una raccolta pubblicata insieme ai racconti degli scrittori e delle scrittrici che fanno parte della giuria finale. La letteratura di viaggio si conferma il genere che più ispira la scrittura, non solo di autori noti ma anche di scrittori in erba che vogliono fissare ricordi, stupori e dettagli in itinere.

 IL BANDO

 INFORMATIVA SULLA PRIVACY

Articolo precedente“Per sempre” è composto da tanti “ora”
Articolo successivoTop 5 bugie di Matteo Renzi. Il Video