di Ylenia Scarabeo

Per l’emergenza coronavirus si va verso l’utilizzo di una parte dei fondi strutturali per la coesione (Fse e Fesr): la prima dote di liquidità disponibile è di circa 800 milioni. Questi primi 800 milioni potranno derivare dalla decisione della Commissione di lasciare a disposizione degli Stati membri maggiore liquidità attraverso una maggiore flessibilità nel meccanismo dei prefinanziamenti. Ulteriori risorse, di quasi 25 miliardi e di cui ne sarà impiegata una parte, potranno derivare dai fondi non ancora impegnati della programmazione 2014-2020.

In merito, il 12 marzo c’è stato un primo confronto tra Provenzano ed i governatori. <<Sono fiducioso, troveremo un’intesa sulle procedure- dice il ministro- di certo posso già dire che non ci sarà un travaso di risorse dal Sud al Nord, questa è un’emergenza nazionale e rispetteremo la ripartizione ordinaria.>> Sono tre le linee di intervento: la prima è il contrasto all’emergenza sanitaria, per finanziare con i Fondi l’acquisto di servizi, strumentazioni e macchinari sanitari ma anche spese di formazione ed utilizzo del personale medico; la seconda riguarda interventi in favore di PMI, per il capitale circolante e per sostegni diretti ai settori più colpiti, come il turismo; infine, si punta all’utilizzo del Fondo sociale europeo per finanziare, oltre alle politiche attive del lavoro, forme di compensazioni salariali per i lavoratori, anche collegate alla riduzione dell’orario di lavoro.

<<Il dato fondamentale è che c’è ampia disponibilità della Commissione- osserva Provenzano- a utilizzare i Fondi anche attraverso una revisione dei Regolamenti comunitari con procedure veloci e semplificate. E questo consentirà tra l’altro di ampliare la possibilità di modificare più agevolmente i Programmi senza la necessità di autorizzazione da parte della Commissione, mediante la semplice approvazione del rispettivo comitato di sorveglianza. Anche sul tema del più efficace impiego dei fondi strutturali serve un forte coordinamento con il confronto in corso in Europa sulla modifica delle regole sugli aiuti di Stato>>.

Articolo precedenteL’Asrem, in collaborazione con la Croce Rossa, attiva la consegna domiciliare dei presidi per i diabetici
Articolo successivoCampobasso – La Giunta comunale ha stabilito la sospensione dei pagamenti di tasse e tributi comunali