di Redazione

dalla FILT CGIL MOLISE (Lucia Merlo) – FIT CISL MOLISE (Simone Vitagliano)- ORSA FERROVIE (Gennaro Calvano) il comunicato sull’accordo REGIONE MOLISE- FERROVIE. Per i Sindacati è la “chiusura del Molise” perchè ritengono che con questo contratto di servizio con Trenitalia, ” questa maggioranza di governo ha sancito la fine di ogni prospettiva di sviluppo della regione.

“La viabilità – dicono – “è da sempre la questione centrale per lo sviluppo di un territorio non solo per l’accessibilità delle persone ma anche per la promozione economica delle risorse che quel territorio possiede. Favorire uno sviluppo armonico delle infrastrutture significa disegnare il futuro, lavorare per assicurare i collegamenti in maniera strategica significa avere lungimiranza e facilitare il percorso di rinascita che una regione come il Molise da troppo tempo reclama. Questo concetto sembra essere lontano milioni di anni luce dalle consapevolezze del governo regionale che palesa una chiara inclinazione a fare i conti del ragioniere piuttosto che avere la lungimiranza necessaria ad ogni politico. Il ragioniere guarda il debito, vede i costi e taglia le spese ed è proprio quello che è accaduto nel nuovo contratto di servizio con Trenitalia. L’assessore regionale alle infrastrutture, con nota ufficiale, ci ha comunicato la chiusura della Termoli/ CB nonostante le risorse stanziate dal PNRR per l’ammodernamento e l’elettrificazione della linea che avrebbero permesso di raggiungere CB in un’ora. Verranno inoltre soppresse 4 corse sulla CB/Napoli che saranno garantite non da autobus sostitutivi ma dal TPL. Riteniamo questo fatto politicamente gravissimo poiché si evince chiaramente la volontà di spostare il trasporto dal ferro alla gomma contro ogni principio sancito nel PNRR, nei Fondi Europei, nelle azioni messe in capo in Europa e nel Paese. Spostare il trasporto su gomma con un sistema viario fatiscente come quello molisano non ha alcun senso logico e diventa inaccettabile. Con questi provvedimenti si taglia definitivamente ogni prospettiva di sviluppo per questa terra con decisioni assunte unilateralmente senza convocare le Parti Sociali nonostante una richiesta di incontro inviata addirittura in estate. Poco importa a chi ci governa che verranno messi a rischio circa 50 posti di lavoro tra Ferrovie e indotto, poco importa il disagio di chi si recava a Napoli o Caserta per studio, lavoro o per trovare altrove l’assistenza sanitaria che ci hanno negato, poco importa il disagio che vivranno i disabili penalizzati fortemente nell’utilizzare autobus….poco importa…quello che conta è che alla fine i conti tornino e non tagliando sprechi e privilegi, ma tagliando servizi. I conti tornano e i ragionieri sono soddisfatti!”

 

Articolo precedenteProblemi di alimentazione elettrica alle pompe di Molise Acque. Venafro coi rubinetti a secco.
Articolo successivo“ MA QUALE SERIE A! TIFA PER LA SQUADRA DELLA TUA CITTA’, IL VENAFRO !”, AFFERMANO GLI ULTRAS VENAFRO