“Siamo ad inizio anno e vogliamo partire con il piede giusto. Per questo ieri mattina – afferma il Presidente di Confindustria Molise ENRICO COLAVITA – ho incontrato alcuni esponenti di altre organizzazioni di categoria – l’ACEM, la CONFARTIGIANATO e la CNA – per riavviare una stagione di CONCERTAZIONE dopo anni in cui il valore di questo metodo è stato molto sottovalutato”.

E’ chiaro e preciso l’indirizzo che il Presidente Colavita vuole dare alla Confindustria Molise: un moderno e rafforzato senso della rappresentanza unitaria, per giocare insieme a tutte le categorie attive in Molise, anche con le altre che a breve incontrerà (le organizzazioni datoriali del commercio, dei servizi e dell’agricoltura e successivamente le organizzazioni sindacali), una partita importante per rilanciare il sistema economico regionale nel suo complesso.

I temi discussi nella riunione di ieri coincidono con gli asset di sviluppo della regione Molise: infrastrutture, accesso al credito, rapporto con la pubblica amministrazione (in ordine in primo luogo alla velocizzazione dei pagamenti della PA, ma anche alla riduzione della spesa pubblica e alla riduzione delle tasse), la centralità dell’impresa privata per creare le condizioni per chi, anche in forma di start up, vuole investire.

“Non buttiamo alle ortiche gli sforzi fatti in questi anni dalle famiglie e dalle imprese molisane! Da parte nostra – sottolinea il Presidente Colavita – ci impegneremo per riportare al centro del dibattito con tutti i nostri interlocutori la competitività del nostro territorio.

Dal punto di vista delle imprese che rappresento, ribadisco che dobbiamo porci come obiettivo la necessità di operare anche informa aggregata, a rete, per aumentare il peso del nostro business soprattutto sull’export. Per quanto mi riguarda, ho già convocato un incontro, il 24 gennaio a Venafro, sul tema “reti d’impresa”, dal quale mi auguro potrà uscirà un progetto concreto per crescere insieme.

Articolo precedenteDi Pietro: “Voglio candidarmi nel mio Molise come indipendente”
Articolo successivoBanda di falsari di auto sgominata dalla Polizia Stradale di Campobasso