Per il governatore Toma senza unità il centro-destra rischia di andare al voto a Campobasso con due candidati sindaci. Ipotesi che determinerebbe una sconfitta certa. Il nome di Alberto Tramontano (Lega), quale candidato alla carica di sindaco, è stato imposto da Salvini, Meloni e Berlusconi.

Per il presidente Toma solo Tramontano può sbrogliare la matassa ritirandosi dalla competizione. Senza una sintesi e senza un nome che unisca tutto il centro-destra molisano la situazione rimarrà bloccata a danno di tutti.

In queste ore si susseguono incontri e tavoli per uscire dallo stallo. Il governatore ha lanciato un ultimatum agli alleati che entro 48 ore devono sbloccare la situazione e trovare un nome che metta tutti d’accordo e porti alla vittoria. Dopo le Europee Toma intende fare un tagliando alla Giunta a prescindere dal risultato elettorale.