È stato firmato l’Accordo di Programma Quadro per l’area interna “Matese” che avvia ufficialmente la fase attuativa della Strategia Nazionale per le aree interne sul territorio molisano. Un passo importante per la Regione e, più in generale, per il Mezzogiorno.

Un piano che prevede risorse pari a quasi 7 milioni di euro, la Strategia del Matese include interventi che vanno dal potenziamento dei servizi di trasporto al loro efficientamento in termini di informazione al pubblico; dal rafforzamento della rete di emergenza-urgenza (il 118) all’aumento delle farmacie e del numero degli infermieri di comunità, nell’ottica di una assistenza sanitaria che sia sempre più vicina al cittadino. Inoltre la SNAI del Matese presta un occhio di riguardo al tema della valorizzazione del territorio: il rilancio dello splendido sito archeologico di Altilia, il miglioramento dell’accessibilità all’antica via del Tratturo; previsti altri interventi come il ripristino degli antichi sentieri del territorio insieme alla razionalizzazione della rete degli stessi percorsi, per lo sviluppo del turismo, lavorando anche sulle competenze dei giovani. Con la Strategia, l’area Matese potrà dunque diventare “terra di cammino” grazie ad un’azione specifica e coordinata di manutenzione e valorizzazione dell’enorme patrimonio tratturale e sentieristico del territorio.

Tra gli interventi, la riqualificazione delle vecchie stazioni ferroviarie dismesse in vista di altri usi, la costituzione della Banca della terra con il recupero delle produzioni locali, creazione di impresa, efficientemento energetico, elaborazione della Matese Map… un piano che vede tradizione e modernità in strettissima connessione, laboratorio unico per l’intero Mezzogiorno. Un accordo che vede la firma di Agenzia per la Coesione Territoriale, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro, Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Ministero della Salute, Ministero dei Beni e le Attività Culturali, Regione Molise, Sindaco del comune di Spinete (CB) capofila dell’area, 14 Comuni e poco più di 20mila abitanti.

Articolo precedenteCooperative, Uecoop: Nel 2018 persi 3mila posti di lavoro. Il Molise aumenta gli addetti facendo registrare un +1,2%
Articolo successivoPiano strategico ZES, Toma: Via libera dal Ministero